Emilia: al via a Guastalla la nona edizione della “Borsa del turismo fluviale”

La risorsa turistica del Fiume Po sarà in vetrina dal 19 al 24 settembre a Guastalla


Dal 19 al 24 settembre a Guastalla, e lungo le terre emiliano romagnole bagnate dal Grande Fiume, si svolgerà la nona edizione della Borsa del Turismo Fluviale e del Po – Saranno presenti 28 tour operator europei provenienti da 17 paesi che parteciperanno al Workshop con circa 150 operatori turistici dell’offerta (venerdì 21 settembre a Guastalla) e a cinque educational tour alla scoperta dell’offerta turistica del territorio – Positivi i trend di crescita del turismo fluviale sul Po: nel 2017, nei comuni dell’area Po dell’Emilia Romagna presenti nelle province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Ferrara, sono stati registrati – con una permanenza media di 4,3 notti – 829.549 arrivi e tre milioni e 577,098 presenze con un aumento percentuale, rispetto al 2016, del +6,4 e del +15,7 per cento.

Il fiume Po – con le sue bellezze fluviali, i sapori di un’enogastronomia unica, le ‘mille’ opportunità sportive e di full immersion nella natura – sarà al centro della nona edizione della Borsa del Turismo Fluviale e del Po. L’evento promozionale, dedicato allo slow tourism, è in programma dal 19 al 24 settembre a Guastalla e lungo le terre emiliano romagnole bagnate dal Grande Fiume.

La Borsa del Turismo Fluviale e del Po è promossa da Confesercenti Emilia Romagna, Unione dei Comuni della Bassa Reggiana, Camera di Commercio di Reggio Emilia, Apt Servizi Emilia Romagna, le Destinazioni Turistiche Emilia e Romagna, col patrocinio di Enit, Regione Emilia Romagna, Provincia di Reggio Emilia.

Saranno 28 i tour operator europei presenti, provenienti da 17 paesi: Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Olanda, Portogallo, Irlanda, Regno Unito, Scandinavia, Spagna, Svizzera, Russia, Repubblica Ceca, Slovenia, Lituania, Ungheria.

I 28 buyer esteri, assieme a circa 150 operatori turistici dell’offerta-Po, provenienti da Emilia Romagna e Italia, saranno i protagonisti del Workshop commerciale business to business in programma, al Palazzo Ducale di Guastalla, nella mattinata di venerdì 21 settembre. “Per la capacità di concentrare in un’unica vacanza paesaggi incontaminati, enogastronomia tipica, itinerari ciclo turistici, arte e cultura e forti richiami identitari al territorio e alle sue tradizioni, il turismo fluviale lungo il Po – commenta l’Assessore al Turismo regionale Andrea Corsini – sta sempre più’ conquistando turisti, come confermano anche i dati. Si tratta di una grande opportunità per la nostra offerta di slow tourism, in grado di competere a pieno diritto sui mercati internazionali della vacanza en plein air”. Durante le giornate della Borsa (che sarà inaugurata alle 9,30 nel Palazzo Ducale di Guastalla) sono in programma, per i tour operator presenti, cinque educational tour dedicati a: “Piacenza tra storia, cultura  ed enogastronomia”, “Viaggio nella bassa Piacentina e Parmense tra musica, natura e tipicità del territorio”, “Viaggiare lungo il Fiume tra arte, natura e gusto nella Bassa Reggiana”, “Ferrara, Comacchio e le sue Valli. Tra arte, natura, tradizioni e gusto”, “Il Delta del Po tra terra e acqua”. Previsti anche due convegni: giovedì 20 settembre a Reggio Emilia (ore 9.45, Palazzo del Capitano del Popolo) si discuterà di “Musica, cinema e grandi eventi per lo sviluppo turistico” con gli interventi dell’Assessore Regionale al Turismo dell’Emilia Romagna Andrea Corsini, del sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, del Presidente della Destinazione Turistica Emilia Natalia Maramotti, del Direttore regionale Confesercenti Stefano Bollettinari e del Presidente di Assoturismo Confesercenti Vittorio Messina. Prevista anche la partecipazione di esperti nell’organizzazione di eventi (il leader storico dei “Nomadi”, Beppe Carletti, e il manager di Luciano Ligabue, Claudio Maioli, oltre al produttore artistico “Palomar” Francesco Beltrame e all’attore e regista reggiano Enrico Salimbeni).

Il secondo convegno che si svolgerà venerdì 21 settembre al Palazzo Ducale di Guastalla, avrà per tema “Enogastronomia e Cammini per lo sviluppo turistico dei territori” e vedrà la presentazione del Progetto sui Cammini per Viandanti e Pellegrini dell’Emilia Romagna messo a punto nel 2016 da Apt Servizi Emilia Romagna.

Tra gli altri eventi della “Borsa”, in programma dal 22 al 23 settembre, da segnalare l’iniziativa “Vivi il Verde” a Guastalla (con laboratori, concerti, visite e percorsi in bici alla scoperta della golena del Po) mentre a Gualtieri si svolgeranno spettacoli, concerti, visite guidate, percorsi naturalistici per scoprire uno dei borghi più belli d’Italia e, a Reggiolo, ci sarà la “Fiera della Zucca” (che proseguirà anche il 29 e 30 settembre).

Crescono arrivi e presenze del turismo fluviale sul Fiume Po. Sono positivi i trend di crescita di questa offerta turistica. In base ai dati elaborati dal Centro Studi Turistici di Firenze nel 2017, nei comuni dell’area Po dell’Emilia Romagna presenti nelle province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Ferrara, sono stati registrati – con una permanenza media di 4,3 notti – 829.549 arrivi e 3 milioni e 577.098 presenze, con un aumento percentuale, sul 2016, rispettivamente del +6,4% e del +15,7%. In particolare il 63,7% di queste presenze sono generate da turisti nazionali mentre il 36,3% provengono dai mercati esteri. Altri dati significativi riguardano l’offerta ricettiva: il 49,1% degli esercizi ed il 41,7% dei posti letto presenti in tutta l’Area Po si trovano in Emilia Romagna.

Rilevante anche il dato relativo alla ricaduta turistica della Borsa vera e propria. E’ stato infatti calcolato che, in occasione delle passate otto edizioni della manifestazione, si sono registrati durante i workshop (dove sono intervenuti 157 buyer esteri e 1092 operatori turistici italiani) oltre 18.700 contatti commerciali per un giro d’affari complessivo di 7,4 milioni di euro.

Bollettinari (Confesercenti): “Importante occasione promozionale” “La Borsa del Turismo Fluviale e del Po – commenta il direttore di Confesercenti Emilia Romagna Stefano Bollettinari – rappresenta non solo un’importante occasione di promo-commercializzazione, attraverso il Workshop internazionale, ma anche un momento per riflettere sulle sfide che occorre affrontare assieme, pubblico e privato, per raggiungere risultati sempre migliori: dalla valorizzazione sempre maggiore delle eccellenze del territorio, al miglioramento continuo della qualità del prodotto da tutti i punti di vista come ambiente, servizi, infrastrutture, ospitalità, raggiungibilità delle destinazioni, navigabilità dei fiumi, ciclovie, eventi e tutto ciò che può rendere attrattiva e unica la vacanza nei territori del grande fiume”.

Pin It