Fisco / Corte dei conti: “grave sperequazione tra dipendenti e lavoratori autonomi”

Scostamento rilevante soprattutto riguardo all’Irpef

corte-dei-contiIl funzionamento del sistema fiscale italiano ”si è sensibilmente discostato dal modello teorico, producendo un’ingiustificata grave sperequazione tra il livello di contribuzione del lavoro dipendente e di pensione e quello derivante dallo svolgimento di attività economiche indipendenti”. Lo scrive la Corte dei Conti.

”La rilevanza dello scostamento – dice la magistratura contabile – è particolarmente evidente con riguardo all’Irpef, per la quale le ritenute effettuate dai sostituti d’imposta sui redditi di lavoro dipendente e di pensione costituiscono nel 2013 oltre il 79% del gettito totale derivante da adempimento spontaneo e l’Irpef dichiarata per il 2011 deriva per l’81,4% da contribuenti il cui reddito prevalente è di lavoro dipendente o di pensione”.

”Come la Corte ha recentemente avuto modo di rilevare – spiega la stessa Corte – l’evasione fiscale continua ad essere per il nostro Paese un problema di straordinaria gravità, tra le prime cause, se non la principale, delle difficoltà del sistema produttivo, dell’elevato costo del lavoro, dello squilibrio dei conti pubblici, del malessere sociale esistente. La gravità del fenomeno, d’altra parte, risulta accentuata dalla sua distribuzione e dalle ulteriori distorsioni che ne derivano. E’ evidente, in proposito, il ruolo giocato da una serie di variabili soggettive (la tipologia dei contribuenti) ed oggettive (l’area impositiva, la natura e le modalità di effettuazione delle transazioni). Sotto tali profili, un’imposta come l’Irpef, è per sua natura particolarmente esposta all’evasione: sia per l’ampiezza della base imponibile a rischio, sia per la progressività che caratterizza le sue aliquote, sia, infine, per il legame che si viene ad instaurare fra evasione fiscale ed evasione da spesa sociale: l’evasore fiscale, infatti, riesce spesso a collocarsi in posizione reddituale utile per conseguire, in aggiunta ai frutti diretti dell’evasione, anche i benefici dello stato sociale”.

Pin It