Lavoro, Confesercenti sigla Accordi con Cgil, Cisl e Uil su rappresentanza e modello contrattuale

 

Misurazione della rappresentatività delle parti sociali per arginare il fenomeno del dumping e una nuova procedura di contrattazione che riafferma il CCNL e valorizza le intese territoriali.

Nella giornata di oggi, Confesercenti ha sottoscritto con Cgil, Cisl e Uil due importanti Accordi riferiti alla rappresentanza ed al modello contrattuale. “Il risultato – spiega Mauro Bussoni, Segretario Generale di Confesercenti Nazionale – di un lavoro di riconoscimento reciproco, che valorizza il ruolo delle parti sociali e delle relazioni sindacali per un reale rilancio della competitività”.

L’Accordo sulla rappresentanza prevede la misurazione delle organizzazioni sindacali e della parte datoriale attraverso l’individuazione di idonei indicatori: le parti sociali hanno infatti condiviso che la rappresentatività debba costituire un prerequisito della contrattazione. Sancita in più punti dell’intesa è la necessità, a tutela della leale concorrenza, di arginare fenomeni di dumping, soprattutto di tipo retributivo, attraverso adeguate misure che garantiscano il rispetto delle retribuzioni minime individuate dai contratti collettivi nazionali sottoscritti dalle organizzazioni datoriali e sindacali comparativamente più rappresentative.

Per quanto riguarda il modello contrattuale, si conferma il ruolo centrale del CCNL, quale efficace strumento di regolazione dei rapporti di lavoro soprattutto per le PMI. Il CCNL non si limita a stabilire i trattamenti retributivi minimi, ma è anche sede per concordare previsioni in materia di flessibilità e produttività immediatamente esigibili. L’intesa prevede inoltre la valorizzazione del ruolo della contrattazione territoriale e aziendale, nella consapevolezza che occorre fornire risposte più specifiche in relazioni alle caratteristiche e alle peculiarità del territorio e dell’azienda. In tal senso il CCNL potrà adottare specifiche previsioni, attraverso intese territoriali o aziendali, per crisi, sviluppo, sostegno del Mezzogiorno con effetti derogatori e/o sospensivi di istituti del CCNL stesso anche a contenuto economico. Un impianto, spiega Bussoni, “che può offrire importanti spazi per il miglioramento di produttività e per la premialità detassata”.

Il ruolo delle parti sociali non si esaurisce con la sottoscrizione dei contratti di lavoro – si legge nelle intese siglate – occorre potenziare la Bilateralità e attivare un confronto con il Governo a sostegno del welfare contrattuale che va ulteriormente incentivato con politiche di vantaggio fiscale e contributivo.

Confesercenti inoltre annuncia che promuoverà nei prossimi giorni incontri per definire specifiche iniziative relative alla contrattazione del terziario e del turismo.

I documenti integrali: accordo modello contrattuale  e accordo rappresentanza

Pin It