Marina de Marco nuovo presidente Confesercenti Chieti

Davide Di Nardo rappresenterà Chieti Alta

Marina De Marco, titolare di una avviata gioielleria di Chieti Scalo, è il nuovo presidente comunale di Confesercenti Chieti. L’elezione è avvenuta per acclamazione nel corso dell’assemblea elettiva cittadina svoltasi presso la sede di via Domenico Spezioli, alla presenza di numerosi operatori economici sia dello Scalo che di Chieti Alta.

Anche per garantire rappresentatività a tutto il territorio comunale, al fianco di Marina De Marco è stato eletto quale vicepresidente Davide Di Nardo, al quale è stata subito conferita la delega a rappresentare l’associazione a Chieti Alta.

«Dopo la battaglia contro il Megalò 2, per il quale non va assolutamente abbassata la guardia – ha spiegato la neopresidente De Marco – occorre ripartire dal commercio urbano, da una nuova funzione dei negozi di quartiere, da una battaglia forte per la riduzione della tassazione imposta ai piccoli esercenti. Con il nuovo direttivo comunale daremo nuova energia alla rappresentanza della micro e piccola impresa di questo territorio, mettendoci subito a lavoro per non perdere tempo. La realtà degli esercenti è molto dura, piena di insidie e con un mercato difficile da interpretare. Sarà necessaria la collaborazione positiva di tutti i commercianti per portare a casa risultati che restituiscano al nostro lavoro il ruolo che gli spetta, un ruolo centrale nell’economia sociale e culturale della città».

Molti gli interventi in assemblea, coordinata dal responsabile dell’area sindacale Dario Rosato. «I problemi della città, ormai atavici, vanno finalmente affrontati con forza nel segno della pro positività – ha sottolineato Davide Di Nardo «e di una programmazione che vada oltre il giorno dopo».

Tra le tematiche affrontate, Concetta De Sanctis ha posto l’attenzione sugli aumenti della Tari, «che dovremmo studiare approfonditamente vigilando anche sul capitolato e sulle modalità di raccolta dei rifiuti».

Secondo Gianfranco Conti, titolare di strutture ricettive, bisogna «puntare sulla funzione sociale del negozio di quartiere, sensibilizzando anche sulla programmazione urbanistica a venire».

Gianfranco Cesarone, Presidente del Consorzio di via “Chieti C’Entro”, ha spiegato infine la necessità di coordinare la comunicazione «altrimenti si rischia di fare molte iniziative interessanti ma di non farle conoscere agli operatori commerciali».

Leggi le altre notizie “Dal Territorio”

Pin It