Siena: da migranti a mestieranti grazie alla Scuola senese per richiedenti asilo

No profit istituzioni e agenzie formative collaborano per il terzo anno con risultati. Due giovani già ingaggiati da un ristorante del capoluogo

 

Moussa ha 22 anni, da poco tempo è arrivato in Italia dal Mali, suo paese d’origine. Bassoum è più ‘vecchio’ di 4 anni, anche lui sbarcato in Italia, provenienza senegalese. Il destino li ha accomunati negli ultimi mesi, e ora lo farà anche nei prossimi: saranno insieme come tirocinanti  nella cucina di un ristorante senese. E’ il primo effetto concreto della Scuola di mestiere per richiedenti asilo, attivata per il terzo anno a Siena su iniziativa della Onlus Migranti San Francesco e dell’agenzia formativa Cescot,  in accordo con Prefettura e servizi sociali.

Ottantadue ore di lingua italiana, cucina, igiene e accoglienza che hanno accomunato 14 giovani dalle provenienze disparate: Burkina Faso, Pakistan, Nigeria, oltre a Mali e Senegal. Hanno scoperto l’abbigliamento professionale, sperimentato la pulizia di stoviglie e servizi igienici, capito come rivolgersi ai commensali, preparato pasta e pizze. Hanno anche acquisito il certificato Haccp, indispensabile per lavorare nella somministrazione degli alimenti, e ora sono pronti per colmare le  carenze di manodopera delle imprese locali, che a norma d legge possono essere assolte dai richiedenti asilo.

A due di loro, Moussa e Basssoum appunto, è già capitato l’ingaggio di un pubblico esercizio che stentava a reperire personale: altri potrebbero seguire, in cerca di un futuro più sereno del passato che li ha portati in Italia. “Hanno dimostrato una passione ed un attenzione che raramente mi era capitato di notare – osserva la chef  Sara Conforti, una dei docenti della scuola di mestiere – si meritano senz’altro un futuro di opportunità”.

 

 

 

 

Pin It