Confesercenti Puglia: Distretto del Commercio come strumento di riqualificazione

Cospicua la partecipazione al primo seminario formativo organizzato dal C.A.T Confesercenti Puglia


“Il Distretto del Commercio: quale strumento di riqualificazione  opportunità per i Comuni che fanno rete”. E’ questo il tema del seminario, promosso dal C.A.T Confesercenti Puglia svoltosi martedì scorso presso la sede di Confesercenti prov.le B.A.T. a Trani e rivolto agli assessorati e ai dirigenti tecnici del settore produttivo delle pubbliche amministrazioni ed ai funzionari tecnici dei centri di assistenza tecnica ( C.A.T.) di Confcommercio e Confesercenti delle province pugliesi.

Dopo un saluto di benvenuto agli ospiti rivolto dalla Presidente Confesercenti prov.le BAT Antonietta Caffarella, i lavori sono stati aperti dal Presidente regionale Confesercenti dott. Benny Campobasso e dal Direttore Regionale dott. Salvatore Sanghez, che  hanno rivolto un saluto particolare per la loro presenza agli assessori: dott. Vincenzo Valente per il comune di Bisceglie, avv. Mariateresa Forlano per il comune di Andria, dott. Alessio Villani per il comune di San Marco in Lamis, accompagnati dai loro dirigenti  SUAP e  ad altri colleghi funzionari dei comuni di Barletta, San Ferdinando ed Andria. Naturalmente erano presenti i dirigenti di tutti i provinciali Confesercenti della regione Puglia ed tecnici colleghi della Confcommercio della provincia di Lecce.

Entrando subito nel merito dell’interessante tematica proposta, è stata data la parola al Prof. Tamini, docente professore associato di Architettura e Studi Urbani al Politecnico di Milano che  ha da subito evidenziato l’importanza dei  Distretti Urbani del Commercio quale elemento di  governance delle piccole imprese del  commercio e del turismo individuate in particolari ambiti urbani, centri storici in particolare, attraverso la collaborazione sistematica tra Pubblico e Privato. L’integrazione di tali settori con le  iniziative culturali,  le operazioni di rigenerazione urbana e la  promozione delle tipicità agricolo artigianali dei comuni è alla base delle Politiche di Distretto.

Il Seminario si è rivelato un’occasione preziosa per i partecipanti per approfondire le modalità costituenti, le attività da svolgere e gli obiettivi da raggiungere dai Distretti Urbani attraverso la individuazione delle modalità operative necessarie per l’attuazione pratica degli stessi, nel proprio contesto di riferimento.

Obiettivo principale dei Distretti Urbani del Commercio è quello di favorire l’aggregazione e l’integrazione  tra  imprenditori del commercio e del turismo, in un ottica di promozione e valorizzazione delle specializzazioni e tipicità territoriali; per migliorare la qualità degli spazi pubblici urbani, dei centri storici in particolare, permettendo  ai  Comuni di trovare ulteriori forme di collaborazione , attraverso la ottimizzazione delle risorse destinate alla promozione del Territorio.

Per far ciò è indispensabile “fare rete” tra le imprese e costruire  integrazione di  Sistema tra queste e gli Enti Pubblici.  In particolare, secondo quanto  sostenuto dal prof. Tamini  “…per promuovere  questo  rapporto tra Pubblico e Privato uno degli elementi qualificanti risulta essere  un pluralismo di presenze interne. Lo testimonia il fatto che nelle esperienze di situazioni più mature come quelle della Lombardia,  dell’Emilia Romagna, Veneto e Piemonte i casi di maggior successo  sono quelli in cui  il partenariato è molto ampio. Soprattutto all’avvio del Distretto, evitare una falsa partenza, è necessario che i soci fondatori disegnino una Progettualità di  Sistema attivando una serie di azioni che, necessariamente, devono essere accompagnate da diversi attori di diversi settori socio economici e culturali. Per crescere dunque con continuità nel tempo…”

Per attivare e promuovere  i Distretti Urbani del Commercio la Regione Puglia ha promosso, da alcuni anni,   una collaborazione  con i Centri di Assistenza tecnica (C.A.T.) di Confcommercio Puglia e Confesercenti Puglia in partnership con i gemelli  C.A.T. di livello provinciale. Infatti il seminario è stato il primo di una serie di appuntamenti che si svilupperanno durante le prossime settimane in altre città di cui possiamo anticipare Brindisi e Lecce, previsti nella 1° decade di aprile.

“Ovviamente c’è bisogno di un ruolo  propositivo e proattivo delle Associazioni di categoria Confesercenti e Confcommercio, così come riconosciuto dalla Legge Regionale  Testo Unico del Codice del Commercio, soprattutto nei confronti della Pubblica Amministrazione e di un suo ruolo innovativo  da mettere in campo per poter sviluppare un rapporto virtuoso e proficuo. La cosa più importante, a tal proposito – ha sottolineato ancora il prof. Tamini –  “…è che ci sia da subito un’interfaccia con l’amministrazione comunale nei vari casi delle diverse tipologie di Distretto Urbano, ma soprattutto ci sarà necessità di nuove competenze, quali quelle del   Manager di Distretto, una  figura professionale nuova, multidisciplinare caratterizzata da capacità nelle relazioni, di interfaccia, di costruzione ed ampliamento del partenariato di Distretto, soprattutto utile  a stimolare le Amministrazioni Pubbliche ad attuare Politiche Urbane legate ad una regolamentazione urbanistica che vada incontro alle piccole imprese.  Si pensi, ad esempio sulle possibilità  di riuso degli immobili in situazioni di sfitto immobiliare  attraverso premialità che possano  consentire l’animazione di spazi urbani in degrado per assicurare vitalità e vivibilità di interi quartieri attraverso  l’attuazione e la continuità nel tempo delle politiche di Distretto”

Il seminario è stato concluso dal Direttore Confesercenti prov.le B.A.T, dott. Landriscina, che ha apprezzato la numerosa e variegata partecipazione ringraziando i presenti ed auspicando che il gran lavoro svolto dal C.A.T. Imprese Nord Baresi srl di Confesercenti B.A.T. e dal C.A.T. Confcommercio Bari-BAT per i comuni di Andria, Barletta, Bisceglie, Trani, Canosa e S. Ferdinando, possa proseguire con lo stesso successo che ha prodotto a Trani, Barletta e Bisceglie, già destinatari delle risorse assegnate dalla regione Puglia attraverso la partecipazione al relativo 1° bando per l’avvio dei distretti Urbani del Commercio.

Leggi le altre notizie “Dal Territorio

Pin It