19a Borsa delle 100 Città d’Arte italiane, alla scoperta delle tradizioni nel cuore dell’Emilia-Romagna

Un viaggio nelle eccellenze della regione tra cultura, arte, buon cibo, musica e motori

bologna-817

Nella 19a Borsa delle 100 Città d’Arte promossa da Confesercenti, ENIT, APT Emilia Romagna e Unione di Prodotto Città d’Arte, Comune, CCIAA di Bologna, con la collaborazione di E.N.B. Ente Bilaterale Nazionale del Turismo, UniCredit e Assicoop dell’Emilia Romagna verrà offerto un percorso culturale ed enogastronomico per far scoprire le eccellenze dell’Emilia-Romagna.
Per la stampa e per i 103 Tour Operator provenienti da 36 Paesi diversi, infatti, sono state pensate una serie di iniziative nel cuore dell’Emilia-Romagna.
Si parte da venerdì 29 maggio con una visita al mattino alla fortezza medievale di Dozza in cui il passato si intreccia con i profumi e gli aromi della realtà vitivinicola dell’Emilia-Romagna. Una full immersion di sapori a cura dall’Enoteca Regionale Emilia-Romagna.
In seguito, il pomeriggio sarà dedicato alla scoperta del centro storico di Bologna, tra i suoi vicoli colorati e i suoi scorci che riportano al passato, come una nostalgia di un’epoca mai vissuta. Il tutto mescolato alle vivaci osterie bolognesi con un’attenzione particolare ai prodotti tipici e alle leggende e le storie che li accompagnano.
Sabato 30 maggio il programma prevede la scoperta dell’arte e dell’architettura di Bologna: un viaggio nel Medioevo, nel Rinascimento e nel Barocco curato da Alma Welcome.
Domenica 31 maggio sarà la volta di Modena e della sua Galleria Estense dove si potranno ammirare i dipinti del Velasquez e le sculture del Bernini oltre la famosa Piazza Grande in cui risalta il duomo, tra le migliori espressioni al mondo dello Stile Romanico e dichiarato patrimonio culturale dell’umanità.
A Modena si andrà anche alla scoperta di Luciano Pavarotti e di Enzo Ferrari, con un pit stop al MEF, dove il mito e la storia dell’imprenditore rivivono, e nella casa del grande tenore diventata oggi un museo.
Modena però è anche uno scrigno di sapori, in cui uno dei più grandi tesori è “l’oro nero di Modena”, il suo famoso aceto balsamico che i Tour Operator avranno modo di degustare e apprezzare.
Il percorso si concluderà nel benessere delle Terme della Salvarola in cui spiccano i bagni al lambrusco.
Tutto il programma ha il patrocinio del Comune di Modena.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email