Prezzi, Confesercenti: “Allarme inflazione ingiustificato, crescono solo gli energetici”

Un allarme ingiustificato quello del rischio inflazionistico a breve. Il dato odierno sui prezzi del mese di marzo conferma una situazione sostanzialmente ancora ferma dal lato della domanda: l’inflazione resta comunque sotto il punto percentuale e gli unici ‘movimenti’ al rialzo sono quelli dei beni energetici.

Così l’Ufficio economico Confesercenti commenta i dati diffusi oggi dall’Istat sull’inflazione di marzo.

L’inflazione, pur accelerando per il terzo mese consecutivo, resta fondamentalmente stabile mentre i prezzi dei beni del carrello della spesa, a più alta frequenza di acquisto, azzerano la crescita: l’economia resta debole ed il rischio che l’inflazione rialzi la testa al momento resta lontano.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email