Assoturismo-Confesercenti E.R.: importante votare sì contro le trivelle.

E’ indispensabile preservare l’economia turistica e incentivare la green economy.

trivellazioni-offshore-petrolioAssoturismo-Confesercenti E.R. dice no alla trivellazione nell’Adriatico.

Il prossimo 17 aprile, come stabilito dal Consiglio dei Ministri, i cittadini saranno infatti chiamati per la consultazione popolare a votare il referendum riguardante le trivellazioni in mare.

L’Associazione di categoria ritiene debba essere salvaguardato l’ecosistema che garantisce lo sviluppo del turismo nella nostra regione, il vero e proprio patrimonio che possediamo.

Se si vuole che il prodotto turistico dell’Emilia Romagna regga la sempre più forte competizione internazionale e che aumentino le presenze turistiche e il PIL regionale, la salvaguardia ambientale è un fattore imprescindibile.

Inoltre, il danno che potrebbe subire il settore della pesca ricadrebbe in parte anche su quello gastronomico, altra ricchezza delle terre bagnate dal mare Adriatico.

Assoturismo-Confesercenti E.R. non è pregiudizialmente contraria ad un’industria che crea posti di lavoro. Tuttavia, lo sfruttamento dei giacimenti entro le 12 miglia potrebbe causare danni ad un’economia troppo importante per la nostra regione e il principio di precauzione deve valere anche in un caso delicato come questo, soprattutto in virtù del fatto che non si ricaverebbero reali benefici in termini di risparmio energetico.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email