Caro affitti, a Sesto negozi costretti a chiudere

Appello di Confesercenti ai titolari dei fondi commerciali 

negozio-chiuso-2-600x400

Affitti ‘stellari’ strangolano negozi e commercianti del centro di Sesto Fiorentino. Molti negozi anche per questo sono costretti a chiudere, molti, che potrebbero aprire, non lo fanno. A lanciare l’ allarme è la Confesercenti di Sesto. La situazione è giunta a tal punto che l’ associazione dei commercianti ha deciso di avviare un’ iniziativa davvero inusuale e poco ortodossa per un sodalizio di categoria, ovvero quella di chiamare a raccolta i proprietari immobiliari e tentare di ‘sensibilizzarli’ per così dire, alle ragioni dei commercianti. E convincerli ad abbassare le pigioni. «Abbiamo pensato di contattare i proprietari di buona parte dei fondi commerciali del centro di Sesto – spiega Alessandro Falcini, responsabile per l’ area metropolitana di Confesercenti – La proprietà immobiliare dei fondi commerciali del centro di Sesto è sì piuttosto frazionata, ma comunque in buona parte riconducibile ad alcune famiglie. Vogliamo interloquire con loro per spiegare che non si può andare avanti in questo modo. È necessario fare qualcosa perché gli attuali costi degli affitti non sono più sostenibili per il commercio di oggi. I negozi sono in crisi, e questo è inutile nasconderselo. Le cose non vanno bene. Non è soltanto colpa del caro affitti, ma questo pesa, e parecchio.
I proprietari immobiliari sono abituati a fare i conti con la situazione di qualche anno fa, ma la situazione è cambiata profondamente. Un’ attività commerciale oggi non è più in grado di sostenere spese elevate per l’ affitto. I prezzi del centro di Sesto oggi sono fuori mercato. E qui va a finire che si uccide la gallina delle uova d’ oro, e quando poi si è arrivati troppo avanti si raggiunge un punto di non ritorno e risalire la china è davvero difficile». Secondo Confesercenti questo del caro-affitti è soltanto uno dei fronti su cui lavorare per ridare appeal commerciale al centro di Sesto. Fra le cose da fare, oltre a lavorare sul tema dei parcheggi e delle infrastrutture, c’ è anche uno sforzo da compiere per riportare in centro alcuni brand’ che si sono allontanati. «Stiamocercando di lavorare – conclude Falcini – affinché anche alcuni marchi importanti tornino nel centro di Sesto, dove fino a qualche anno fa erano presenti e che poi pr varie ragioni hanno abbandonato. Per riuscire in questa operazione occorre che il centro torni ad essere attrattivo, lavorando anche sulle funzioni pubbliche che ospita. Pensiamo soltanto a che cosa ha significato lo spostamento della biblioteca pubblica».

 

 

La Nazione (ed. Firenze)”

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email