Casa: Istat, in secondo trimestre prezzi -3,0% sull’anno, dal 2010 calo del 14%

Rispetto ai primi tre mesi leggera flessione dello 0,1%

Nel secondo trimestre 2015 le stime preliminari dell’Istat registrano per l’indice dei prezzi delle abitazioni un calo dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e di ben il 3,0% nei confronti dello stesso periodo del 2014. L’istituto segnala come questi cali siano dovuti alle diminuzioni dei prezzi sia delle abitazioni nuove (-0,3% rispetto al primo trimestre 2015, -2,0% rispetto allo stesso trimestre del 2014) sia di quelle esistenti (-0,1% su base congiunturale, -3,5% su base annua).

In ogni caso, l’Istat evidenzia “la progressiva, seppur lenta, riduzione dell’ampiezza delle diminuzioni tendenziali, grazie soprattutto alla minore flessione dei prezzi delle abitazioni esistenti”. La debolezza dei prezzi peraltro si rileva “in un quadro di significativa ripresa del mercato immobiliare residenziale in termini di numero di compravendite (+8,2% su base annua nel secondo trimestre 2015)”. In media, nel primo semestre del 2015, rispetto allo stesso periodo del 2014, i prezzi delle abitazioni diminuiscono del 3,3%, sintesi di un calo del 2,0% per quelle nuove e del 3,8% per quelle esistenti. Con le stime preliminari del secondo trimestre 2015 la diminuzione dei prezzi delle abitazioni rispetto al 2010 raggiunge il -14,0%. Alla riduzione concorrono sia le abitazioni esistenti sia le nuove, i cui prezzi sono scesi rispettivamente del 19,0% e dell’1,9%.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email