Commercio ambulante, Confesercenti Torino: negli ultimi anni tante chiusure, per chi è rimasto incassi e redditi in calo

L’associazione: “i bandi BOLKESTEIN mettono in sicurezza  le aziende, affrontiamo finalmente i veri problemi  di una categoria in profonda crisi da anni”

Torino – La discussione infinita – e spesso strumentale – sulla Bolkestein ha relegato in secondo piano i tanti problemi dell’ambulantato, quelli cioè che spiegano il profondo disagio della categoria. Bastano pochi dati per illustrare il fenomeno che si manifesta sempre più grave almeno dall’inizio del decennio.

 

AMBULANTATO / SEMPRE MENO IMPRESE

Nel 2016 (dati al terzo trimestre) le imprese ambulanti a Torino sono scese per la prima volta sotto la soglia delle 4000, attestandosi a 3898; erano 4353 nel 2010. Dunque, un calo di 309 unità pari al 7,9%. Leggermente più alto il calo in tutta la provincia: -12%. Ecco la tabella completa (fonte: Camera di Commercio di Torino).

 

Anno 2016 2010 Differenza 2016/2009
Torino 3898 4353 -455 / -11,6%
Torino e provincia 7516 8423 -907 / -12,0%

 

È purtroppo prevedibile che a fine 2016 il dato sarà ancora peggiore, non solo perché la crisi del settore non accenna a diminuire, ma anche perché tradizionalmente il più alto numero di chiusure si registra negli ultimi mesi dell’anno.

Leggi il comunicato integrale

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email