Commercio: effetto Pasqua sulle vendite. Ad Aprile +0,7% sul mese, ma stazionarie rispetto al 2014″

Continua il calo del volume di vendite: – 0,5% sul 2014

La Pasqua traina le vendite di aprile 2015, in crescita dello 0,7% rispetto al mese precedente. Ma ancora, purtroppo, stazionari rispetto ad aprile 2014. Lo rileva l’Istat, dopo la contrazione certificata a marzo. In particolare i piccoli negozi vedono un aumento annuo dello 0,1%, mentre sono ferme le vendite della grande distribuzione. Continuano comunque ad aumentare le vendite dei discount (+2,2% sull’anno), dei grandi negozi a prevalenza non alimentare (+2,3%) e degli esercizi specializzati (+2,2%). Calano quelle degli ipermercati (-1,6%) e supermercati (-0,9%).  In generale, rispetto a marzo 2015, c’è un aumento dell’1% per i prodotti alimentari e dello 0,5% per quelli non alimentari. L’Istat sottolinea che, considerando i volumi venduti (quindi solo le quantità e non anche i prezzi), c’è una crescita congiunturale delle vendite al dettaglio dello 0,7% e un calo tendenziale dello 0,5%. I dati sui volumi sono una novità e iniziano ad essere diffusi dall’istituto a partire da questa rilevazione.

 

 

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email