Confesercenti Caserta lancia l’allarme: accelerare il piano vaccini o per le imprese sarà l’apocalisse

Il Presidente Petrella: “Oggi a distanza di 15 mesi leggiamo e discutiamo ancora decreti legge che prevedono come palliativo o pseudo soluzione la limitazione della libertà umana ed il continuo sacrifici delle imprese”

“Alla luce dell’ultimo decreto è evidente che sia le Istituzioni che la macchina organizzativa che ne deriva non stanno funzionando, come non hanno funzionato nell’immediato momento successivo allo scoppio della pandemia. – dichiara Salvatore Petrella – presidente provinciale di Confesercenti Caserta – Oggi a distanza di 15 mesi leggiamo e discutiamo ancora decreti legge che prevedono come palliativo o pseudo soluzione la limitazione della libertà umana ed il continuo sacrifici delle imprese.

È palese, oramai, anche ai non addetti ai lavori come l’unica soluzione plausibile si chiami Vaccino. – prosegue Petrella – Avrebbero dovuto limitare anche i servizi essenziali, se fosse stato necessario per vaccinare tutti in tempi strettissimi.

Invece no , si preferisce limitare i diritti sanciti dalla nostra Costituzione; ancora una volta si preferisce sacrificare il settore produttivo.
I cittadini , le imprese , non vogliono più aspettare e sono stanchi di giustificare cose del genere. – quindi, conclude Petrella – È necessaria una risoluzione immediata del problema con l’unico strumento che abbiamo: accelerare sui vaccini poiché, in caso contrario, si rischia di far saltare l’intero sistema”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email