Confesercenti Cesenate: avvio soddisfacente per i saldi

Lo evidenzia l’indagine del Centro Studi della Confesercenti Cesenate.

Confesercenti Cesenate: avvio soddisfacente per i saldiLa quasi totalità dei commercianti è partita con i saldi di fine stagione il 5 gennaio scorso.

Lo evidenzia l’indagine del Centro Studi della Confesercenti Cesenate, che ha rilevato l’andamento delle vendite a pochi giorni dall’avvio.

“Quest’anno – dichiara Armando Casabianca, Presidente della Confesercenti Cesenate – l’attesa era ancora più forte degli anni precedenti per la maggior parte dei nostri commercianti in quanto i saldi giungono a seguito della disposizione della Regione tesa a impedire le vendite promozionali il mese precedente l’inizio dei saldi stessi. Il primo dato rilevante è che il 94% del campione intervistato (cento imprese del comprensorio) ha dichiarato di aver iniziato i saldi”.

“Una considerazione da fare – prosegue Casabianca – è che molti esercenti hanno affermato che i negozi sono stati visitati da clienti nuovi. Il che conferma, e non è poco, la validità dei saldi come strumento di promozione e pubblicità. Riteniamo, inoltre, che sia anche il sintomo di acquisti precisi e mirati, prima dei quali il consumatore visita più negozi per scegliere con attenzione cosa comprare”.

“Complessivamente – interviene Graziano Gozi, Direttore della Confesercenti Cesenate – la situazione segna un miglioramento delle vendite rispetto allo scorso anno ma dovremo attendere alcune settimane per verificare se l’orientamento di questi giorni tenderà a consolidarsi”.

“Ad oggi – spiega Graziano Gozi – le imprese che dichiarano un aumento delle vendite rispetto all’avvio dei saldi dello scorso anno sono complessivamente il 29% del nostro campione. Denuncia una diminuzione di fatturato il 14% degli intervistati mentre il 57% rileva una sostanziale stabilità. Abbiamo chiesto, inoltre, un giudizio sulla nuova norma indirizzata ad impedire le vendite promozionali il mese precedente i saldi. Ne esce una situazione molto contrastata, con il 42% che la ritiene utile, il 28% che la considera sbagliata ed il 30% che vuole attendere prima di esprimersi”.

“L’indagine – conclude Gozi – ha confermato che l’attesa dei saldi costituisce tuttora una vera e propria consuetudine per tanti consumatori. Inoltre, in una fase di difficoltà economica generalizzata, siamo in presenza di una ulteriore spinta a ricorrere agli acquisti in queste occasioni. Il nostro auspicio è che le vendite di fine stagione proseguano con lo stesso slancio nei prossimi giorni e possano permettere alle imprese di tirare un bel sospiro di sollievo in apertura del 2017”.

Clicca qui per leggere la ricerca.

Leggi le altre news Dal Territorio 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email