Confesercenti E.R.: continua il trend negativo per le PMI imprese nella nostra regione, tra aperture e chiusure sono 1365 le attività cessate nei primi otto mesi di quest’anno

1267014298660_05

E’ la crisi economica con la sua ricaduta sulle piccole e medie imprese della nostra regione che preoccupa la Giunta e la Presidenza regionale Confesercenti Emilia Romagna che si sono riunite stamattina in forma congiunta per discutere di numerosi argomenti.

Gli ultimi dati forniti dall’Osservatorio Confesercenti relativi ai primi otto mesi del 2013 non confortano quei commercianti che speravano in una ripresa economica a breve termine.

Nella nostra regione, tra iscrizioni e cessazioni, sono infatti 1365 le attività che hanno chiuso i battenti: 873 quelle di commercio al dettaglio, 400 le attività di alloggio e ristorazione, e 92 quelle ambulanti.

 “L’unico dato stabile nel nostro Paese sembra essere quello relativo alle attività commerciali che continuano a chiudere – spiega il direttore di Confesercenti Emilia Romagna Stefano Bollettinari. Le iscrizioni alle Camere di Commercio nei primi otto mesi sono state 2701, le cessazioni 4066 per un totale di 1365 chiusure: un dato veramente inaccettabile per il tessuto imprenditoriale di una regione come la nostra la cui ricchezza è contraddistinta soprattutto dalle piccole e medie imprese; di fronte a questa drammatica situazione, servono soprattutto, a livello nazionale, azioni immediate di grande respiro commisurate alla situazione d’emergenza in cui ci troviamo. Anche se il trend delle cessazioni delle imprese del commercio al dettaglio sembra lievemente rallentare rispetto a inizio anno- continua Bollettinari – il risultato dei primi otto mesi del 2013 registra ancora dati particolarmente pesanti, cui si somma il preoccupante andamento anche del comparto ricettività, ristorazione e bar che, dopo parecchi anni in cui ha svolto un ruolo di ammortizzatore occupazionale comincia ad evidenziare un numero sempre più elevato di imprese che chiudono i battenti, con un turn-over così accentuato che brucia risorse e investimenti”.

“Per il presidente di Confesercenti E.R. Roberto Manzoni finché chi ci governa non si rende conto che la disattenzione alla situazione delle PMI non aiuta la ripresa economica, ma semmai la aggrava, con preoccupanti ricadute anche sul piano sociale, è difficile nutrire la speranza di vedere un’inversione di tendenza.

Invece di studiare interventi strutturali per la riduzione del cuneo fiscale, per facilitare l’accesso al credito, per facilitare l’entrata nel mondo del lavoro, si aumenta l’Iva creando una pressione fiscale che non fa che depauperare ulteriormente il portafoglio dei consumatori. I dati forniti dall’Osservatorio sono anche il segno coloro che avrebbero voglia di rischiare mettendosi in proprio con un’attività, vengono continuamente scoraggiati. Il futuro così, diventa sempre più nero per la nostra economia e non si vedono all’orizzonte segnali apprezzabili di controtendenza.”

 

Iscrizioni, cessazioni delle imprese per settore nel periodo da gennaio ad agosto 2013

 

Gennaio/agosto 2013 Iscrizioni Cessazioni Saldo
Commercio al dettaglio (sede fissa) 1.155 2.028 -873
Alloggio e ristorazione 1.093 1.493 -400
Commercio su aree pubbliche 453 545 -92
2.701 4.066 -1.365

 

Tav.2 Imprese registrate al 31-8-2013, flussi di iscrizioni e cancellazioni nei primi otto mesi del 2013 per provincia delle imprese del commercio al dettaglio

Province e Regione

Imprese registrate

Iscrizioni

Cessazioni

Saldo

Alimentare

Non Alimentare e non specializzati

Totale

Alimentare

Non Alimentare e non specializzati

Totale

Alimentare

Non Alimentare e non specializzati

Totale

Alimentare

Non Alimentare e non specializzati

Totale

Piacenza

287

2.430

2.717

4

47

51

17

142

159

-13

-95

-108

Parma

527

3.434

3.961

22

80

102

26

168

194

-4

-88

-92

Reggio nell’Emilia

452

3.485

3.937

20

99

119

31

199

230

-11

-100

-111

Modena

552

5.141

5.693

16

134

150

31

287

318

-15

-153

-168

Bologna

1.130

7.076

8.206

49

193

242

66

353

419

-17

-160

-177

Ferrara

407

2.848

3.255

8

82

90

17

136

153

-9

-54

-63

Ravenna

358

3.142

3.500

8

97

105

24

144

168

-16

-47

-63

Forlì-Cesena

351

3.128

3.479

13

83

96

29

167

196

-16

-84

-100

Rimini

475

3.849

4.324

19

181

200

19

172

191

0

9

9

EMILIA-ROM.

4.539

34.533

39.072

159

996

1.155

260

1.768

2.028

-101

-772

-873

 

  

Tav.4 Imprese registrate al 31-8-2013, flussi di iscrizioni e cancellazioni nei primi otto mesi del 2013 per tipologia di comune delle imprese di alloggio e somministazione

Province e Regione

Totale provincia

-di cui comuni capoluogo di provincia

Imprese registrate

Iscrizioni

Cancellate

Saldo

Variazioni percentuali delle imprese registrate

Imprese registrate

Iscrizioni

Cancellate

Saldo

Variazioni percentuali delle imprese registrate

Giugno 2013/Agosto 2013

Agosto 2012/Agosto 2013

Giugno 2013/Agosto 2013

Agosto 2012/Agosto 2013

Piacenza

2.123

41

67

-26

0,5

2,5

791

17

36

-19

0,5

2,5

Parma

2.915

77

132

-55

0,3

2,4

1.218

33

59

-26

0,6

3,7

Reggio nell’Emilia

3.115

122

162

-40

0,9

3,6

1.087

43

50

-7

2,0

7,0

Modena

4.282

166

211

-45

0,8

2,4

1.266

50

66

-16

1,3

2,5

Bologna

6.638

208

270

-62

0,5

2,9

3.271

101

124

-23

0,4

3,6

Ferrara

2.592

87

120

-33

0,6

2,3

1.010

29

48

-19

0,5

3,1

Ravenna

3.417

131

156

-25

0,4

0,3

1.348

63

63

0

0,4

1,2

Forlì-Cesena

3.309

89

149

-60

0,6

2,4

742

23

46

-23

0,3

1,8

Rimini

5.516

172

226

-54

0,3

1,5

2.592

78

111

-33

0,0

0,6

EMILIA-ROM

33.907

1.093

1.493

-400

0,5

2,2

13.325

437

603

-166

0,6

2,7

Tav.11 Imprese registrate al 31-8-2013, flussi di iscrizioni e cancellazioni nei primi otto mesi del 2013 per tipologia di comune delle imprese che operano nel commercio ambulante

Province e regioni

Totale provincia

-di cui comuni capoluogo di provincia

Imprese registrate

Iscrizioni

Cancellate

Saldo

Variazioni percentuali delle imprese registrate

Imprese registrate

Iscrizioni

Cancellate

Saldo

Variazioni percentuali delle imprese registrate

Giugno 2013/Agosto 2013

Agosto 2012/Agosto 2013

Giugno 2013/Agosto 2013

Agosto 2012/Agosto 2013

Piacenza

673

32

44

-12

0

-2,9

178

8

10

-2

1,1

-4,3

Parma

691

33

59

-26

0,1

-0,3

217

10

21

-11

0,9

2,8

Reggio nell’Emilia

899

51

50

1

-0,2

0,0

275

24

19

5

0,4

1,5

Modena

1.378

56

83

-27

0,2

-0,8

266

10

19

-9

0,0

-2,2

Bologna

1.853

84

110

-26

-0,2

0,1

795

44

55

-11

0,0

2,1

Ferrara

784

43

34

9

0,4

1,2

187

17

8

9

3,3

9,4

Ravenna

1.190

53

47

6

-0,1

-0,3

475

21

15

6

-0,2

1,5

Forlì-Cesena

952

46

53

-7

0,6

-0,5

202

15

12

3

1,0

1,0

Rimini

1.190

55

65

-10

-6,7

-8,6

569

22

26

-4

-10,3

-12,3

EMILIA-ROMAGNA

9.610

453

545

-92

-0,8

-1,5

3164

171

185

-14

-1,6

-1,3

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email