fbpx

Confesercenti E.R., emergenza Coronavirus: sostegno al reddito per i lavoratori attraverso EBTER

Siglato con i sindacati accordo regionale straordinario che mette a disposizione risorse per il sostegno delle imprese

 

Confesercenti, Assoturismo, Filcams-CGIL, Fisascat-Cisl e Uiltucs Emilia Romagna hanno siglato un accordo regionale straordinario che mette a disposizione risorse per il sostegno al reddito e welfare, nel turismo e nel commercio, per i lavoratori delle imprese che subiscono i pesanti contraccolpi generati dall’emergenza coronavirus.

Le risorse hanno l’obiettivo di salvaguardare il reddito dei lavoratori dipendenti in presenza di riduzioni d’orario o sospensione dell’attività dovuta al calo del volume d’affari in quelle imprese prive di ammortizzatori sociali. Molte imprese, infatti, di fronte alla situazione di calo rilevante della clientela e dei consumi si trova nelle condizioni di ridurre anche in modo consistente il proprio orario di apertura con conseguenze inevitabili anche sull’occupazione.

“Una situazione che rischia di diventare drammatica nel turismo e nei pubblici esercizi – afferma Filippo Donati, Presidente di Assoturismo – dove assistiamo alla pioggia di disdette dovute, per il momento, alla cancellazione di eventi, fiere e meeting, gite scolastiche e chiusure di monumenti e musei ma che sta intaccando anche il periodo pasquale”. Se il turismo piange, la situazione non appare migliore per bar, ristoranti, pubblici esercizi e commercio “settori in cui il calo della clientela comincia ad essere rilevante – aggiunge Dario Domenichini, Presidente di Confesercenti Emilia Romagna – in particolare per i mercati settimanali, gli esercizi di vicinato, i bar e la ristorazione in generale. Per questi settori, come per il turismo, occorreranno misure consistenti di supporto come la sospensione del pagamento di mutui e imposte, fondi per lo sviluppo, ammortizzatori in deroga per l’occupazione. Nel frattempo ogni aiuto è utile anche la bilateralità potrà contribuire a salvaguardare imprese e occupazione”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email