Confesercenti E.R.: la vaccinazione degli addetti del turismo può rappresentare un’ottima leva di marketing per l’Emilia Romagna

L’Associazione: “Questo potrebbe essere un valore aggiunto per il nostro settore, potremmo offrire una destinazione in grado di offrire ai turisti la possibilità di una vacanza in condizioni di piena tutela della salute”

“La vaccinazione degli addetti del turismo in tempo per la stagione estiva potrebbe rappresentare un’ottima leva di marketing per il turismo dell’Emilia-Romagna; per tutta la costa sicuramente ma anche per l’Appennino e le città d’arte”. È quanto si legge in una nota di Confesercenti Emilia Romagna, a proposito dell’annuncio del Presidente della Regione Emilia-Romagna sulla valutazione, che sta facendo la Regione stessa, sull’opportunità di prevedere la precedenza nella vaccinazione agli addetti della filiera turistica una volta terminate le fasce target individuate dalle linee guida nazionali.

“Questo – continua la nota, inviata dopo una riunione della Giunta regionale riunitasi in videoconferenza per esaminare la situazione del settore in vista dell’imminente stagione estiva –potrebbe essere speso sui mercati internazionali come un valore aggiunto per il nostro settore, come una destinazione in grado di offrire ai turisti la possibilità di una vacanza in condizioni di piena tutela della salute. È una richiesta, quella di prevedere la priorità nelle vaccinazioni, per gli addetti del turismo che Assohotel Nazionale ha chiesto anche al Ministro della Salute Roberto Speranza, al Commissario straordinario per l’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo ed al Ministro del Turismo Massimo Garavaglia, ma in assenza di una presa di posizione nazionale sarebbe molto importante – a giudizio della Giunta Confesercenti – se una tale decisione venisse assunta a livello dell’Emilia-Romagna. “

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email