Confesercenti Emilia Romagna preoccupata per gli ultimi dati Unioncamere sul calo delle imprese commerciali

Bollettinari: necessario prevedere misure di sostegno alle piccole e medie imprese anche in termini di innovazione e intervenire sulla normativa nazionale ed europea

I dati diffusi oggi da Unioncamere E.R. sulla consistenza delle imprese in Regione, nel secondo trimestre di quest’anno rispetto lo stesso periodo del 2017, mettono in evidenza ancora una volta che la riduzione più rilevante delle imprese attive è avvenuta nel settore del commercio (-1.054 unità). In proposito in direttore di Confesercenti Emilia Romagna Stefano Bollettinari ha dichiarato:

“Confesercenti regionale esprime preoccupazione per questa continua erosione del tessuto imprenditoriale del commercio che colpisce in particolare le piccole imprese, in parte dovuto alla debolezza del mercato interno e in parte a fattori più strutturali. Proprio per questo occorre, da un lato prevedere misure di sostegno alle piccole e medie imprese anche in termini di innovazione e dall’altro però, anche intervenire sulla normativa nazionale ed europea, visto che la deregolamentazione totale del settore ha sostanzialmente fallito i suoi obiettivi”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email