Confesercenti: “I saldi piacciono a 8 torinesi su 10. Spesa media sui 220/230 euro”

La presidente Fismo, Barbara Cottone: “Finora – a causa del brutto tempo – le vendite sono state scarse, quindi i clienti possono contare su un ricco assortimento di taglie, colori e modelli”

I torinesi continuano ad apprezzare i saldi, tanto che oltre 8 su 10 sono interessati; la spesa media si aggirerà fra i 220 e i 230 euro, dato che conferma quello della scorsa stagione. Quanto ai commercianti, le loro aspettative hanno segno positivo: secondo la maggioranza di quelli del centro, il livello delle vendite dovrebbe essere confermato, rispetto alla stagione precedente, e una parte si aspetta un lieve incremento (5%). Non altrettanto fiduciosi gli operatori della periferia: non pochi di loro temono addirittura una contrazione (5%) degli affari. È questo il clima intorno alle imminenti vendite di fine stagione che prendono il via dopodomani, sabato 7 luglio, per concludersi il 1° settembre.

“Torino – spiega Barbara Cottone, presidente di Fismo, la federazione dell’abbigliamento aderente a Confesercenti – si allinea al sondaggio svolto per noi da Swg, secondo il quale sarà alto il livello di adesione di negozianti e consumatori. A partecipare alle prossime vendite di fine stagione sarà oltre il 70% dei quasi 2000 negozi cittadini, (circa 3700 con la provincia). Il 35% dei consumatori ha già deciso di partecipare ai saldi, ma c’è anche un altro 50% che valuterà le occasioni di risparmio prima di decidere se e quanto acquistare.

“Quest’anno – come raramente è successo in passato nella stessa misura – i consumatori troveranno un assortimento particolarmente ricco di taglie, modelli e colori: fino a pochi giorni fa, il clima non ha aiutato e le vendite della primavera ne hanno risentito negativamente, annullando i piccoli segnali di ripresa che avevamo riscontrato nel 2017. Ciò vale in modo particolare per il settore delle calzature, che più di altri è stato danneggiato dal brutto tempo.

“Speriamo, dunque, che il bel tempo finalmente stabile e gli sconti indurranno i consumatori a venire nei nostri negozi e a spendere. Purtroppo, anche quest’anno – e forse più che nel passato – ci tocca registrare il fenomeno dei ‘saldi anticipati’ soprattutto da parte dei marchi della grande distribuzione: un comportamento al di fuori della legge che danneggia il piccolo commercio e in particolare quello dei negozi delle periferie che in questi ultimi hanno goduto di meno dei benefici derivanti dalla vendite di fine stagione”.

Gli sconti praticati saranno da subito piuttosto elevati: 30-40%. Ma in diversi casi si partirà già col “metà prezzo”: riduzioni più sostanziose del normale per sopperire alle scarse vendite di una stagione difficile.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email