Confesercenti, la Regione Puglia non ascolta le istanze degli esercenti del commercio

‘La Regione Puglia prima ci convoca per decidere insieme come procedere per la ripresa ‘post Covid 19’ del commercio, e poi decide ‘da sola’ ignorando le ragioni che spingono le associazioni sindacali a fare proprie le istanze degli esercenti del commercio che rischiano di fallire’, lamenta Benny Campobasso, presidente Confesercenti Puglia.

La FISMO (Federazione Italiana Settore Moda) Confesercenti ha individuato nel 24 luglio, la data da cui far partire i saldi estivi facendo divieto di fare le vendite promozionali nei 30 giorni antecedenti l’inizio dei saldi.

L’assessorato regionale alle Attività produttive ha deciso di farli partire dal 3 luglio facendo un grande favore alla grande distribuzione e penalizzando i negozi di vicinato che hanno una ingente quantità di merce invenduta. ‘Passare dalla non vendita alla svendita è un danno ancora più duro per le aspettative economiche del settore’, aggiunge Benny Campobasso, presidente Confesercenti Puglia il quale spiega che ‘le due settimane in più richieste dalla FISMO (24 luglio) rispetto alla data stabilita (3 luglio) dalla Regione Puglia, consentirebbero di fare cassa e affrontare le difficoltà economiche generate dal fermo emergenza sanitaria’.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email