Confesercenti Lombardia, nuovo DPCM 25 ottobre: “Le misure di restrizione previste hanno un impatto gravissimo sulle attività di somministrazione, su quelle del commercio e più in generale del terziario”

Il Presidente Rebecchi: “Francamente non comprendiamo l’accanimento sull’industria del turismo e del commercio, come se fossero componenti estranee al mondo del lavoro e delle imprese”

“Le misure di restrizione previste hanno un impatto gravissimo sulle attività di somministrazione, su quelle del commercio e più in generale del terziario” questo il commento a caldo di Gianni Rebecchi, Presidente di Confesercenti Lombardia sul nuovo DPCM “nuove limitazioni anche per palestre, piscine, centri benessere e tutta la filiera degli eventi delle cerimonie dello spettacolo, che si aggiungono a strutture ricettive, tour operator e agenzie viaggi già da tempo in ginocchio per le prolungate misure restrittive alla mobilità delle persone”.

“Quando si dice che in questa fase è prioritario salvaguardare l’economia e la scuola” prosegue Gianni Rebecchi con riferimento alle parole di diversi esponenti della politica nazionale e regionale “noi siamo molto d’accordo, ma poi francamente non comprendiamo l’accanimento sull’industria del turismo e del commercio, come se fossero componenti estranee al mondo del lavoro e delle imprese. La chiusura alle 18.00 decreta la fine della ristorazione”.

“Questo mondo” conclude Rebecchi “non può pagare da solo i costi sociali di questa terribile situazione, delle incertezze e dei ritardi di chi ci governa, dunque chiediamo al Governo e alla Regione importanti e immediate risorse economiche a ristoro degli imprenditori. Non ci sono alternative, non c’è tempo da perdere”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email