Confesercenti Lombardia Orientale risponde sull’importazione dall’estero di uccelli in specie protette, destinati allo spiedo

“Sentirsi etichettati come commercianti e ristoratori che vorrebbero “coprire” l’illegalità, riaprendo l’importazione dall’estero di esemplari morti destinati allo spiedo non è assolutamente vero”, afferma con forza Valter Zugno, Vice presidente Fiepet-Confesercenti. La dichiarazione di Zugno arriva a seguito all’articolo apparso ieri (08/09/2015) sulla stampa locale dal titolo “Uccelli protetti, a provaglio il supermarket dell’illegalità”, il cui contenuto ha portato la categoria dei pubblici esercizi, rappresentata da Confesercenti della Lombardia Orientale, a rispondere alla “provocazione”.

“Come Associazione, abbiamo partecipato ai tavoli tecnici che sono stati convocati dalle varie istituzioni finalizzate all’analisi della normativa, modificata a seguito di una infrazione europea. In questi incontri abbiamo precisato, allo stesso Ministro dell’Ambiente, Galletti, che l’attuale normativa è un incentivo al bracconaggio, che, come categoria, denunciamo da anni”,  prosegue Zugno.

“La categoria dei pubblici esercizi ha sempre acquistato correttamente dai paesi extra UE gli uccellini regolarmente fatturati e soggetti a tracciabilità alimentare. Quindi non capisco l’accanimento del LAC rispetto all’articolo citato”.

Le singole forme di illegalità non possono essere attribuite all’intera categoria e non è corretto generalizzare. Alle osservazioni di Fiepet-Confesercenti, fa coro anche l’Associazione Arthob, Associazione che ha visto il cambio dei vertici da pochi mesi ed è ora guidata dal Presidente Emanuela Rovelli.

“La volontà dei ristoratori bresciani è unicamente quella di tutelare un piatto tipico bresciano, che negli ultimi trent’anni si è identificato nel nostro territorio” conclude Rovelli.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email