Confesercenti Modena, Distretto Ceramico: gli ambulanti tornano in Piazza Martiri

Il Presidente di Confesercenti Distretto Ceramico Tartari: “Bene il ritorno del mercato in piazza. Guardiamo avanti fiduciosi, c’è bisogno di ripartire”

Nonostante i disagi denunciati dagli ambulanti nei giorni scorsi, si accoglie positivamente la disponibilità dell’amministrazione a trovare una soluzione alle problematiche. C’è bisogno di ripartire per rilanciare il commercio, sia per gli ambulanti che per i commercianti in sede fissa

Se l’impegno assunto negli incontri con l’associazione di categoria è stato rispettato, ovvero riaprire la piazza entro fine settembre, la ripartenza per gli ambulanti nonostante alcuni disagi (banchi spostati all’ultimo momento, comunicazioni inviate con poco preavviso agli operatori e una piazza non ultimata del tutto) è avvenuta e gli operatori possono riprendere il loro lavoro. Il mercato, oltre ai giorni fissi (martedì e venerdì), si terrà anche tutte le domeniche di ottobre (in occasione delle Fiere di Ottobre).

Piazza Martiri Partigiani da sempre sede, insieme a Piazza Garibaldi e Piazza Libertà, del mercato cittadino di Sassuolo ha visto in questo ultimo anno e mezzo lo spostamento degli operatori ambulanti in Piazzale Unicredit.

“Riconosciamo all’ amministrazione comunale di avere mantenuto l’ impegno di riportare il mercato in piazza entro fine settembre – commenta Roberto Tartari, Presidente Confesercenti Distretto Ceramico – un passo importante sia per il commercio in sede fissa che per gli operatori su area pubblica. Anche se i lavori ancora non ultimati in piazza e lo spostamento di alcuni banchi collocati davanti ad alcune attività commerciali hanno creato disagi, la nota positiva è il ritorno, dopo tanto tempo, del mercato nella sua sede storica. Ottobre è un mese importante per il commercio sassolese con “Le fiere di Ottobre “e la piazza ristrutturata speriamo possa aiutare a promuovere ulteriormente il rilancio di tutto il commercio del centro storico della nostra città”.

“Un ultimo anno e mezzo molto complicato per gli operatori del mercato, fortemente penalizzati dalla pandemia, a cui si sono aggiunti i disagi del trasferimento troppo prolungato. I nervi sono tesi da parte di tutti, auspichiamo ad un confronto con le parti per risolvere gli ultimi problemi e decidere come riqualificare il mercato e ristorare le attività coinvolte dai disagi del trasferimento. Siamo fiduciosi che l‘amministrazione comunale continuerà a lavorare per promuovere al meglio il mercato, c’è bisogno di ripartire e guardare avanti per il bene di tutti gli operatori”, conclude Emanuele Costetti, Direttore Confesercenti Distretto Ceramico.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email