Confesercenti Piacenza: in cinque anni cancellate 235 imprese del commercio

Le parole del direttore Fausto Arzani su La Libertà

“Le 235 imprese in meno tra città e provincia in cinque anni, su un totale di circa 3mila realtà, dovrebbero far riflettere. Le nuove aperture dei grandi centri e i giganti delle vendite online stanno facendo sentire il loro peso, e questa situazione di degrado, purtroppo, sta registrano rapidi e negativi sviluppi”, così Fausto Arzani, direttore di Confesercenti Piacenza, in un’intervista su La Libertà.

“È un dato preoccupante – prosegue Arzani – anche perché, per molti settori tradizionali vedi moda ed abbigliamento, il ricambio generazionale è quasi assente, mentre i grandi marchi vanno avanti ad aprire. In un quadro del genere diventa veramente difficile pensare di risollevare il commercio tradizionale, che, insieme agli artigiani, presidia i centri storici. A questo punto il fenomeno dovrebbe assumere i contorni di un problema sociale, urbano: le luci in periferia si sono già spente in molti angoli, in centro le poche vie illuminate e fornite di vita restano quelle principali, a Piacenza: il Corso, via Venti, grazie ai negozi. Altre strade, come via Mazzini o via Calzolai, stanno invece soffrendo. I piccoli commercianti devono sostenere costi di gestione importanti. Servirebbero politiche che andassero a loro favore”.

Il settore che più di ogni altro accusa il colpo delle nuove forme di vendita è l’abbigliamento, insieme alle calzature. “A erodere quote di mercato – analizza il direttore Arzani – ci sono gli outlet per il pubblico di fascia medio-alta, sia per potere d’acquisto che per età, e l’online per i più giovani. Stiamo cercando di sostenere le imprese nella formazione, ma sono convinto, da ottimista, che nei prossimi 10 anni il commercio tradizionale possa riprendere quota”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email