fbpx

Confesercenti Pistoia: un buono acquisto per i propri dipendenti da spendere nei negozi di vicinato

L’Associazione: “Il gesto, in questo caso, ha una doppia valenza da una parte dare un piccolo riconoscimento a tutti i dipendenti che hanno lavorato assiduamente, dall’altra abbiamo voluto sostenere le aziende a noi associate”

In quest’anno, così difficile e complicato, Confesercenti Pistoia ha ritenuto di dare un piccolo riconoscimento economico ai propri dipendenti e collaboratori, ringraziandoli del grande lavoro svolto in risposta alla pandemia. Si tratta di un buono acquisto da spendere nelle attività aderenti a Confesercenti in tutta la provincia di Pistoia. In tal modo si dimostra, per quanto possibile, la nostra vicinanza agli associati che versano in gravi difficoltà.

Si tratta di una scelta coerente con il nostro impegno di tenere in vita le imprese e dare loro un futuro con la ripresa dei consumi. Il gesto, in questo caso, ha una doppia valenza, ovvero da una parte dare un piccolo riconoscimento a tutti i dipendenti che hanno lavorato assiduamente in questo periodo garantendo l’apertura degli uffici, il sostegno ai soci e le informazioni continue in merito a nuove normative e Dpcm. Dall’altra abbiamo voluto sostenere, anche se in minima parte, le aziende a noi associate che sono state duramente colpite dalla pandemia e che cercano di sopravvivere.

Questa iniziativa si collega alla campagna promozionale e alle iniziative messe in campo da Confesercenti durante il periodo natalizio con l’hashtag #acquistasottocasa, che hanno lo scopo di sostenere il commercio di vicinato.

Un’ulteriore sorpresa che hanno ricevuto i nostri associati che hanno il servizio paghe interno a Confesercenti è la ricezione del contributo dell’ente bilaterale. Infatti, per tutti coloro che versano l’ente bilaterale di Confesercenti e che hanno usufruito della Cig era previsto un contributo da dare a tutti i dipendenti. Visto il periodo che stanno vivendo i lavoratori del settore turismo sappiamo che una boccata di ossigeno era importante.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email