Confesercenti Roma: ancora giù i consumi degli esercizi di vicinato, 500 imprese chiuse quest’estate

Le previsioni per la Capitale nel 2016: 3.150 chiusure di attività di vicinato con un saldo negativo di circa 1.800 imprese

“Stiamo registrando il tracollo delle vendite nei piccoli esercizi: se continua così la perdita di fatturato per le piccole attività su strada sarà molto forte”. A dichiararlo è Valter Giammaria, Presidente della Confesercenti Provinciale di Roma. “I dati, prosegue Giammaria, purtroppo fanno rilevare una ulteriore battuta d’arresto nelle vendite nei mesi estivi e il rischio che vediamo è che le cose potrebbero mettersi male di qui alla fine dell’anno”. “Se a ciò aggiungiamo, rincara il Presidente di Confesercenti Roma, il peso che grava sulle famiglie e le piccole imprese, dalle spese per bollette, imposte e affitti, si allontanano ulteriormente lo speranza di una reale ripresa”.

Anche il turismo a Roma, in questi mesi estivi, fanno notare da Confesercenti, nonostante abbia tenuto l’affluenza di stranieri, ha fatto registrare un complessivo calo del turismo nostrano. Una contrazione in generale di -5%, anche se si registra la crescita del numero di imprese nei settori della ristorazione: ristoranti e bar stanno di fatto sostituendo i negozi di vicinato. Una tendenza che si sta affermando anche nel nostro territorio dopo la crisi che ha investito anche questo settore negli anni trascorsi. A Roma, secondo Confesercenti, nel corso degli ultimi due anni (2014 – 2015) hanno chiuso circa 6.391 negozi al dettaglio con un saldo negativo di 3.460 imprese. A riaprire sono state attività di operatori su area pubblica e di servizio.

“Le nostre previsioni per il 2016, sottolinea Giammaria, sono negative per gli esercizi di vicinato: stimiamo la chiusura di circa 3.150 attività con un saldo imprenditoriale negativo di oltre 1.800 negozi. Ricordiamo che nei cinque anni trascorsi, dal 2011 al 2015, il saldo negativo è stato di 7.500 negozi.” “Per superare la crisi e la grande incertezza legata al rischio deflazione, incalza Giammaria, occorrono urgenti interventi per sostenere i consumi e difendere il piccolo tessuto imprenditoriale diffuso che anima e illumina la nostra città.”

“La ricetta per salvare la rete distributiva commerciale romana è articolata: non basta una semplice cura antibiotica, occorre un mix di medicinali e ricostituenti: contrasto dell’abusivismo e della contraffazione; alleggerimento fiscale delle tasse e imposte nazionali e locali; favorire il reale accesso al credito per le piccole imprese; contenere il costo degli affitti dei locali commerciali; sostenere i processi di aggregazione e riqualificazione urbana e commerciale, come si sta facendo con il bando regionale sulle reti d’impresa in corso”.

 

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email