Confesercenti Salerno ed Anva: fermezza contro illegalità e contraffazione commerciale

Organizzata una manifestazione, per metà settembre, “per la legalità”

La Confesercenti Provinciale di Salerno e l’Associazione Nazionale commercio su aree pubbliche “ANVA” hanno organizzato per la metà del mese di settembre 2017 una manifestazione
per la “legalità” che si terrà sul lungomare di Salerno.

Da tempo Confesercenti e ANVA hanno denunciato alle autorità preposte il grande disagio ed illegalità in cui versa il lungomare ad opera degli operatori italiani ed extracomunitari abusivi. Nel contempo Confesercenti e ANVA hanno intrapreso una importante azione con la comunità senegalese e bengalese affinché si tutelino gli operatori extracomunitari legali ed in regola
con le diverse autorizzazioni amministrative e statali, isolando ed eventualmente denunciando quanti operano illegalmente ed in particolare modo cercano di vendere merce contraffatta
proveniente e gestita da organizzazioni criminali.

“La Confesercenti Provinciale di Salerno, dichiara il Direttore Provinciale dott. Pasquale Giglio, è in prima linea per l’affermazione della legalità e per la libertà di fare impresa contro la contraffazione e le organizzazioni criminali che gestiscono ancora impunite il mercato clandestino e al tempo stesso tutela e difende, unitamente all’Amministrazione Comunale di Salerno, sempre
attenta a queste problematiche, gli operatori in regola con titoli amministrativi”.

“L’ANVA Confesercenti dichiara il Presidente Provinciale Aniello Pietrofesa da tempo denuncia l’illegalità di alcuni insediamenti commerciali che nulla hanno a condividere con la regolare attività commerciale su aree pubbliche”.

Nei prossimi giorni la Confesercenti e l’ANVA sensibilizzeranno gli operatori, il Comune e le Istituzioni per porre fine definitivamente alla piaga dell’Abusivismo e contraffazione commerciale.
Leggi le altre notizie “Dal Territorio”

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email