Confesercenti Torino: “Ambulanti, protesta strumentalizzata. Inaccettabili comportamenti intimidatori”

Il Presidente  Papini: “Ricevute segnalazioni secondo cui su diversi mercati è stato impedito agli operatori di svolgere la loro attività”

“Ancora una volta le preoccupazioni di una intera categoria non solo sono state stravolte e strumentalizzate, ma sono stati messi in atto  comportamenti inaccettabili”. Così si esprime Stefano Papini, presidente di Confesercenti, a proposito della protesta sulla Tares di oggi.

“Il diritto a manifestare – continua Papini – non può impedire il lavoro altrui. Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni da parte di ambulanti ai quali è stato impedito di piazzare il banco o che – avendolo piazzato – sono stati costretti a interrompere la loro attività. Il tutto basato sullo strano ‘principio’ per il quale ‘era in corso uno sciopero e ad esso bisogna per forza aderire’. Abbiamo avuto segnalazione di episodi simili dai mercati Crocetta, Santa Rita, Bengasi, Brunelleschi, Racconigi e Chieti. Non possiamo che condannare risolutamente fatti del genere che mettono in gioco i diritti dei singoli sia come operatori, sia come cittadini, dal momento che poi la protesta si è spostata alla stazione di Porta Susa, compromettendone l’attività.

“Non si tratta in questa sede di entrare nel merito della questione Tares, rispetto alla quale la posizione di Confesercenti è stata più volte ribadita: il comune non applichi la Tares e si ritorni alle vecchie tariffe Tarsu. Si tratta invece di constatare –  conclude Papini – che il verificarsi di comportamenti intimidatori squalifica in partenza ogni possibile buona ragione”.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email