Confesercenti Torino: “Piemonte in giallo? Finora solo chiacchiere e supposizioni. Dalle Istituzioni disprezzo per il lavoro ed il futuro di tanti imprenditori”

Il Presidente Banchieri: “Ancora una volta si gioca sulla pelle di aziende già piegate dall’emergenza Covid”

Il Presidente di Confesercenti, Giancarlo Banchieri, dichiara: “Siamo a venerdì inoltrato e ancora non è certo in quale fascia sarà collocato il Piemonte. È inaccettabile che le migliaia di imprese della somministrazione del Piemonte debbano essere sballottate fra chiacchiere e ipotesi fino all”ultimo minuto. Riavviare un ristorante o un bar significa programmare scorte e acquisti, organizzare il personale, contattare per tempo i fornitori. Non basta qualche ora.

Anche questa vicenda dimostra il preoccupante distacco fra la politica e la vita reale dei cittadini e delle imprese. Purtroppo, non è la prima volta che ciò accade ma in questo caso è ancora più grave, poiché l’eventuale passaggio alla fascia gialla consentirebbe ai pubblici esercizi di riaprire al pubblico fino alle 18 e questa incertezza rischia soltanto di fare perdere loro giorni preziosi.

Ma questo significa accanirsi su aziende già in ginocchio e disprezzare il lavoro di tanti operatori. Non si capisce perché i dati non potrebbero essere diffusi in mattinata. Forse basterebbe un po’ di organizzazione in più: il governo prenda esempio dalle imprese, magari le cose andrebbero meglio per tutti”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email