Confesercenti Torino: “Pubblici esercizi, una ripartenza promettente. I clienti stanno tornando in buon numero e le prenotazioni per la cena di stasera sono tante”

Il presidente Banchieri: “Fra le imprese molta voglia di ricominciare, i clienti sanno di poter frequentare i nostri locali in assoluta sicurezza”

Un primo giorno promettente, nel quale in tanti hanno ripreso a frequentare il proprio locale preferito e che lascia ben sperare anche per la cena di questa sera: tante le prenotazioni che stanno arrivando.

Sono soddisfatti i gestori di bar e ristoranti interpellati da Confesercenti Torino nelle ore di avvio delle attività di somministrazione dopo il lungo lockdown.

Ovviamente, nessuno si aspettava numeri clamorosi; inoltre una parte di clientela è ancora condizionata da cautele e timori, e non si sente pronta a riprendere immediatamente le vecchie abitudini. Tuttavia, secondo gli esercenti i segnali di oggi sono positivi e vanno nella direzione giusta.

Nessuno, infine, segnala particolari problemi, né sul piano della gestione e dell’organizzazione del punto vendita, né dal punto vi sta del comportamento dei clienti, solitamente ben informati.

“Questa di oggi – dice Giancarlo Banchieri, presidente di Confesercenti – è una giornata fondamentale per tutti: per gli esercenti, che finalmente riprendono la loro attività; e per la clientela, che gradualmente riscopre le proprie abitudini e può farlo in sicurezza, rispettando poche, semplici prescrizioni. Se queste sono le premesse, non si può che sperare per il meglio. Ci lasciamo alle spalle oltre due mesi di blocco; le cose non sono e non saranno semplici: lo sappiamo, ma a questo avremo modo di pensare da domani. Oggi il fatto essenziale è la possibilità di tornare a frequentare i locali: da operatore, prima ancora che da presidente di Confesercenti, ne sono assolutamente convinto; come lo sono i miei colleghi, magari giustamente preoccupati ma con tanta voglia di ricominciare e di rimettersi in gioco”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email