Confesercenti Torino, saldi: la prima volta dopo il Covid non delude

Confermate le previsioni dei commercianti: vendite più basse rispetto al 2019, ma in leggero aumento del 10% rispetto alle scorse settimane

A poche ore dell’inizio dei saldi estivi, confermano le previsioni della vigilia i commercianti di Torino interpellati da Confesercenti per una primissima impressione: nel complesso un avvio non brillantissimo, ma in linea con le aspettative. Non sono particolarmente delusi, quindi, gli operatori, secondo i quali era inevitabile una certa contrazione della spesa media rispetto alla scorsa stagione dei saldi. Tuttavia la giornata registra una inversione di tendenza rispetto alle vendite delle scorse settimane (+10%): è questo il dato più significativo. D’altra parte – dicono -, non ci si poteva aspettare molto di più. È significativo, comunque, il fatto che la clientela abbia mostrato interesse e sia tornata nei negozi: un altro segno di riconquista della normalità il cui significato va la di là dell’occasione dei saldi. Va anche considerato che la giornata è stata particolarmente bella e invitava a lasciare la città; dunque i commercianti sperano in una ripresa più decisa nel corso della prossima settimana.

“Si è trattato – dice Giancarlo Banchieri, presidente di Confesercenti – di una ‘prima volta’ sotto molti aspetti: la prima campagna dopo il Covid, l’inizio slittato di quasi un mese rispetto alla norma, una crisi dei redditi e dei consumi che non ha eguali anche rispetto agli ultimi anni che pure non sono stati facili sotto questo aspetto, i primi saldi che arrivano dopo un mese di promozioni su larga scala. Se si tiene conto di tutto ciò, non deve sorprendere che la performance abbia luci ed ombre: tuttavia, abbiamo visto una Torino che ha risposto all’appuntamento e la stragrande maggioranza degli operatori impegnati in condizioni difficilissime. In qualche modo ognuno – come cliente o come commerciante – ha dato il suo contributo alla ripartenza di Torino: una scommessa che dovremo vincere tutti insieme”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email