Confesercenti Veneto, Anva chiede ai sindaci delle province: attenzione al valore dei mercati ed ai problemi che incontriamo

Il Presidente Anva Tuis: “Calo delle vendite fino al 70%. E’ necessario rinviare scadenze pagamenti”

 

 

  • Dpcm 8- 3- 2020: nessun blocco alla circolazione dei mezzi e delle merci degli ambulanti anche fuori delle province.
  • Mercati aperti dal lunedì al venedì – mercati per i soli alimentari festivi e prefestivi
  • Nessun divieto per gli ambulanti che operano in forma itinerante
  • Attenzione alle regioni che hanno deliberato la quarantena volontaria per quanti si muovono dalle province di Padova, Treviso e Venezia

Come Anva Confesercenti (associazione degli ambulanti) abbiamo chiesto a tutti i sindaci delle province Padovana e Vicentina che, in attesa di provvedimenti governativi a sostegno delle imprese Venete, le amministrazioni provvedano alla sospensione del pagamento della TARI e del canone di occupazione suolo pubblico per i titolari di posteggio nei mercati settimanali e giornalieri. Pur comprendendo che gli introiti comunali sono già inseriti a bilancio, in via del tutto straordinaria chiediamo che per l’anno 2020 vi sia una consistente riduzione del canone di occupazione.

L’allarme è scattato, in questo contesto di emergenza,  anche le attività su area pubblica stanno subendo notevoli diminuzione di ricavi. Nelle province di Padova e Vicenza in questi primi 15 giorni di emergenza abbiamo registrato una perdita di oltre il 70% dei ricavi, nei mercati settimanali, con conseguenti problemi nel provvedere al pagamento delle imposte e dei tributi.

Alcune indicazioni per gli ambulanti:

Per quanto riguarda le limitazioni alla circolazione previste nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8 marzo, queste si applicano solo alle persone fisiche e non a tutta la filiera produttiva e al trasporto e transito di merci. Il decreto consente alle persone fisiche ogni spostamento su tutto il territorio nazionale per motivi di lavoro, di necessità o per motivi di salute. E il trasporto merci, secondo una nota esplicativa del Ministero degli Interni viene equiparato a un’esigenza lavorativa con la conseguenza che chi conduce mezzi di trasporto può entrare e uscire dai territori interessati dalla limitazione e spostarsi all’interno delle stesse limitatamente alle esigenze di lavoro.

Per quanto riguarda i mercati nelle zone rosse indicate dall’ordinanza, questi si svolgeranno regolarmente nei giorni infrasettimanali mentre saranno chiusi nei giorni prefestivi e festivi , chiusura che non contempla i punti vendita di generi alimentari.

Ogni operatore è chiamato a garantire comunque il rispetto della distanza di sicurezza di un metro prevista nel decreto. Il mancato rispetto della distanza di sicurezza comporterà per l’operatore la sanzione della sospensione dell’attività.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email