Convention Confesercenti Sicilia, Messina: “Serve un patto per la ripresa”

Oggi le conclusioni del Direttore nazionale Giuseppe Capanna

Un patto per la ripresa: è quanto ha auspicato il presidente di Confesercenti Sicilia Vittorio Messina chiudendo la prima giornata della Convention regionale svoltasi a Ragusa. Un patto, ha spiegato Messina, che metta a registro relazioni virtuose tra istituzioni, associazione e forze sociali per condividere le strategie che possano consentire alla Sicilia di agganciare la ripresa che tutti gli indicatori economici danno oramai prossima. In questo senso, ha aggiunto Messina, Confesercenti è in grado di intercettare la forte domanda di rappresentanza che sale dal mondo delle imprese che reclamano servizi innovativi e assistenza sempre più professionale,

La necessità di guardare al territorio come sistema e non solo ad alcune delle sue componenti, anche quando di notevole rilievo, si riflette sulla organizzazione di un’associazione moderna quale siamo , continua Messina, contemplando l’esigenza di dotarsi di un modello più attento alle trasformazioni socio-economiche della città.

Questo passaggio è decisivo, per partecipare da protagonisti ad un tavolo di confronto con enti, associazioni, categorie, portatori di interessi, con un punto di vista formalizzato, ma vuole che la concezione e le strategie di crescita della Sicilia siano fissate attraverso un percorso che sappia definire prima di tutto la posta in gioco e sappia poi perseguirla come obiettivo condiviso. Ciò significa, insomma, non negare, ma esplicitare e utilizzare la complessità come una risorsa e il carattere anche conflittuale degli interessi come valore ad elevato potenziale tenendo presente che il rispetto della legalità rimane la condizione preliminare per ogni progetto di sviluppo.

Oggi i lavori proseguiranno, con l’intervento del Direttore regionale di Confesercenti Michele Sorbera e le conclusioni del Direttore nazionale Giuseppe Capanna.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email