Credito, Vivoli: “Le sofferenze delle micro-imprese crescono meno rispetto alle più grandi”

“Ma alla riduzione di spread non corrisponde la diminuzione del tasso: piccole e piccolissime pagano di più il denaro e hanno più difficoltà ad ottenerlo”

 

“Le sofferenze sui prestiti delle micro-imprese crescono meno rispetto a quanto avviene per le imprese di dimensioni maggiori: nel 2013 il differenziale del rapporto tra sofferenze e prestiti per chi ha fino a 5 dipendenti è diminuito fortemente, passando dai 223 basis point del 2012 ai 95 del 2013. L’idea che i finanziamenti bancari alle piccole imprese siano eccessivamente rischiosi è quindi imprecisa”.

A dichiararlo è Massimo Vivoli, Presidente di Italia Comfidi, il più grande d’ Italia,  e vice presidente vicario di Confesercenti Nazionale.

“Grazie anche al supporto offerto da Comfidi, che contro-garantisce i prestiti e fornisce informazioni qualitative al sistema creditizio – continua – nonostante la crisi le imprese fino a 5 addetti si mostrano complessivamente solide sotto il profilo dei requisiti per l’accesso al credito. Le sofferenze relative al mondo dell’impresa, al 30 giugno di quest’anno, erano 111,8 miliardi: di questi, però, solo 12,6 miliardi – l’11,3% del totale – erano ascrivibili alle imprese fino a 5 dipendenti. Anche per quanto riguarda il tasso di incremento delle sofferenze, al 30 settembre di quest’anno quello medio è stato del 16,9% per le imprese fino a 5 dipendenti e del 24,3% per le più grandi”.

“Per questo – conclude Vivoli – risulta evidente che la maggior parte delle sofferenze è principalmente nelle imprese medio-grandi, mentre le micro-imprese  stanno riducendo considerevolmente la loro quota di rischio. Ma alla riduzione dello spread non corrisponde una diminuzione del tasso: le piccole e piccolissime imprese pagano di più il denaro e hanno più difficoltà ad ottenerlo rispetto alle grandi”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email