Confesercenti Emilia Romagna da “Vitrines d’Europe”: più attenzione per commercio e turismo

Da Parigi la richiesta è per le nuove Istituzioni europee

Nel corso della riunione periodica del Consiglio di Amministrazione di VITRINES D’EUROPE (rete europea di Associazioni di commercianti cui aderisce Confesercenti Emilia Romagna) svoltasi oggi a Parigi, presso la sede della Confédération des Commerçants de France (CDF) il Presidente di VITRINES D’EUROPE Stefano Bollettinari ha affermato: “Alle nuove Istituzioni europee, Parlamento e Commissione, recentemente insediate chiediamo una maggiore attenzione per quanto riguarda le p.m.i. del settore commerciale, che ha avuto negli ultimi anni le maggiori difficoltà, sia in termini di Fondi strutturali e d’investimento per il supporto all’innovazione, per affrontare meglio la competizione di mercato e per l’accesso alle nuove tecnologie, nonché per un’efficace lotta alla concorrenza sleale, compresa l’attuazione di una riforma globale della tassazione che equipari in tutti i Paesi europei la fiscalità dei cosiddetti “giganti del web” a quella di tutte le altre imprese commerciali, che vanno salvaguardate e non certo penalizzate, di fatto, come avviene attualmente. Ormai improcrastinabile è anche un chiarimento definitivo sulla sacrosanta esclusione di tutte le imprese turistiche e commerciali dalla direttiva Bolkestein”.

“Commercio e turismo sono un comparto fondamentale dell’economia europea – prosegue Bollettinari – con oltre 8 milioni di imprese (più del 90% con meno di 10 addetti) e oltre 43 milioni di occupati e non si può continuare ad assistere a una continua emorragia di imprese con migliaia e migliaia di chiusure specialmente nel comparto delle piccole imprese al dettaglio, col conseguente scadimento della qualità della vita delle città”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email