Expo: online il sito informativo per i visitatori con disabilità

Comune e Regione lanciano expofacile.it, il sito per l’accessibilità

expo-facileMilano più accogliente grazie ad Expofacile.it, il portale on-line da oggi che offre a tutti i visitatori, anche con disabilità, le informazioni necessarie per muoversi in autonomia con itinerari turistici e schede informative sull’accessibilità di alberghi, ristoranti e musei, sui mezzi di trasporto e sui servizi utili, dai punti di primo intervento ai poliambulatori medici. Il portale è nato da un impegno condiviso tra Regione Lombardia, Comune di Milano e le associazioni di persone con disabilità (Ledha e Uic) che lo stanno concretamente realizzando.

Il progetto è realizzato in partnership di Unicredit Foundation. L’impegno comune è di rendere Milano e il suo territorio più inclusivi ed attrattivi per tutti i visitatori con bisogni specifici che inizieranno ad arrivare dal prossimo maggio.

Al momento Expofacile.it contiene le schede informative sull’accessibilità di un’ottantina di ristoranti e strutture alberghiere. Un database che verrà progressivamente implementato fino al primo maggio, per arrivare a contenere 300 schede, comprendenti anche musei, chiese, cinema e teatri. Le informazioni sull’accessibilità sono state raccolte da operatori qualificati, che hanno utilizzato la metodologia di rilevazione certificata Village for All. Il sito si avvarrà anche di un servizio di back office: chi non trova le informazioni di cui ha bisogno può scriverci per avere una risposta. Mappata anche l’accessibilità dei mezzi di trasporto e l’identificazione di itinerari turistico-culturali che daranno ai turisti con disabilità la possibilità di apprezzare la città di Milano. Le descrizioni relative agli itinerari, verranno ulteriormente perfezionate con informazioni e suggerimenti sull’accessibilità dei percorsi pedonali. E con la possibilità di cliccare sul nome di diversi punti d’interesse (teatri, chiese e musei) per consultare schede di dettaglio sulle caratteristiche di accessibilità di ogni struttura.

L’amministrazione ha garantito i servizi di residenzialità (688 persone e 44 nuovi inserimenti 2014) e i servizi diurni (333 persone e 73 nuovi inserimenti nel 2014), ha erogato contributi a sostegno del reddito, per l’assistenza domiciliare indiretta, per progetti individualizzati a 1.236 utenti e contributi per il trasporto a 1.059 persone. L’investimento è stato pari a 3,8 milioni di euro. Altri 2,7 milioni sono stati stanziati per fornire l’assistenza domiciliare a 523 persone. Complessivamente il Comune ha messo a bilancio per il 2014 un totale di 42,66 milioni di euro, una cifra mai diminuita dal 2011 e con un incremento rispetto dal 2011, ultima amministrazione Moratti, di 4,9 milioni di euro.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email