Faib Confesercenti Modena su situazione distributori IP

Mercoledì 5 giungo 2019: stazioni di servizio in sciopero anche sul territorio modenese

La chiusura è stata decisa a livello nazionale ed in accordo con le altre sigle che rappresentano la categoria, per fare valere le ragioni dei gestori del gruppo Italiana Petroli, in difficoltà ed a rischio chiusura causa le politiche penalizzanti dell’azienda  

Un giorno di chiusura nazionale degli impianti di erogazione carburante degli impianti con marchio Ip e Total Erg, indetto dalle principali sigle che rappresentano gli operatori delle stazioni di servizio tra cui FAIB-Confesercenti. “Lo sciopero del 5 giugno prossimo – sostiene FAIB-Confesercenti Modena – è stato indetto dai colleghi della rete di distribuzione carburante IP e Total Erg, compresi quelli modenesi, perché costretti ormai da troppo tempo ad operare in condizioni economiche e normative inique e discriminatorie. Al punto, di rendere sempre più probabile il fallimento di centinaia di gestioni  tra cui anche quelle del territorio modenese.”

ll gruppo API, che comprende pure IP e Total Erg – per numero di gestori – è il primo operatore petrolifero italiano; il secondo per quota di mercato. Il piano industriale adottato dal gruppo però, preoccupa l’intera categoria. “I gestori sono allo stremo ed anche la politica di prezzo scelta dall’Azienda che ricorre a differenziali fra prezzo self e servito fino ad oltre 400,00 €/Klt., impedisce di invertire la tendenza in atto caratterizzata da una forte contrazione delle vendite e da una scarsa remuneratività delle gestioni. Gestioni chiamate, per giunta, a sopportare una serie di oneri impropri che dovrebbero essere assunti, invece, dal sistema.”

Ma se i Gestori sono in sofferenza da tempo, non se la passano meglio i lavoratori, data la  riduzione di personale e il salto da un contratto di solidarietà all’altro. “E’ necessario trovare il modo per dare a gestori e lavoratori dipendenti risposte sul futuro, ma anche sul presente. Sulle incongruenze e le continue “sterzate” che si accumulano. Crediamo che gestori e lavoratori vivano un clima estremamente pesante: nessuno ha più certezze. Quale futuro ci potrà mai essere se questa situazione non trova soluzioni partecipate e condivise? Cosa sarà del gruppo?”. Queste le ragioni, secondo FAIB-Modena.

Lo sciopero del 5 giugno prossimo indetto da FAIB e dalle altre sigle di rappresentanza dunque, sarà per: denunciare i margini da fame riconosciuti dalla compagnia ai gestori; segnalare la suicida politica dei prezzi praticata da IP che mette fuori mercato i gestori di marchio e diventa penalizzante nei confronti dei consumatori; dire basta! all’imposizione di differenziali fra prezzo self e servito che sta distruggendo il lavoro dei gestori; riaffermare l’autonomia dei gestori e il diritto a determinare il proprio bilancio e chiedere il rispetto degli impegni assunti; dire basta agli accordi one-tu-one e all’abuso di dipendenza economica che costringe al fallimento i gestori; sconfiggere la strategia del “terrore” e delle pressioni messa in atto dalla compagnia; per chiedere al governo, finalmente, di assumere il tema della distribuzione carburanti come un problema strutturale per il paese.”

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email