Faib, Fegica e Figisc: previsto oltre il 90% di adesione allo sciopero dei punti vendita Esso. La Sicilia dice no al modello grossista della Esso e rivendica il rispetto delle regole

Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc Confcommercio prevedono il 90% delle chiusure dei punti vendita carburanti a marchio Esso della Sicilia. Si registra una grande coesione della Categoria che mercoledì 29 marzo p.v. è pronta a scioperare e a dire  no all’adozione del modello grossista sull’Isola e a rivendicare il rispetto delle regole

Una protesta maturata dal basso, fortemente voluta dagli operatori che attraverso le proprie rappresentanze sindacali hanno organizzato lo sciopero e programmato per la stessa giornata  un sit in presso la sede dell’Assessorato regionale alle Attività Produttive.
Una iniziativa quest’ultima, che nasce dalla volontà di coinvolgere il Governo locale, al quale è stato richiesto un incontro per aprire un confronto sulle conseguenze che l’adozione del modello grossista potrà avere sulla tenuta dei livelli occupazionali oltre che sugli effetti generati da tale operazione nei rapporti tra le parti.

Leggi il Comunicato

Leggi le altre notizie “Dal Territorio”

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email