Fiducia: Confesercenti-SWG, a Pasqua incertezza in crescita per quasi un italiano su due. Rallentamento ripresa preoccupa più di stallo politica

Dal peggioramento del clima effetto sui consumi pasquali, 3 famiglie su 10 spenderanno di meno

L’incertezza frena i consumi di Pasqua. Gli italiani si avvicinano alla prossima festività con meno sicurezze in confronto allo scorso anno. E, rispetto alla Pasqua 2017, quasi uno su due (il 43%) segnala di stare vivendo un clima di maggiore incertezza e con prospettive meno rassicuranti non solo a livello personale, ma anche relativamente all’economia italiana e al contesto internazionale. Un deterioramento guidato, soprattutto, dal timore di un prossimo rallentamento della ripresa. E che non mancherà di incidere sui i consumi: il 30% delle famiglie, infatti, è intenzionata a tagliare le spese per celebrare la Pasqua e la Pasquetta.

È quanto emerge da un sondaggio condotto da Confesercenti e SWG su un campione di cittadini italiani, al fine di inquadrare il sentiment dei consumatori in occasione di Pasqua e Pasquetta 2018. A fronte della quota di cittadini che segnala un deterioramento delle proprie certezze, solo il 9% – nemmeno uno su dieci – afferma di sentirsi più sicuro dello scorso anno riguardo le prospettive personali e dell’economia italiana in generale, mentre il 48% non rileva cambiamenti.

A trainare il sentimento di incertezza è soprattutto il fantasma della crisi: l’eventuale indebolimento della ripresina economica iniziata nel 2017 viene infatti segnalato come timore principale dal 45% degli incerti. Una preoccupazione che sopravanza anche il problema dell’aumento dei flussi migratori (indicati dal 27%) e, in particolare, l’impasse della politica: solo il 18%, infatti, si dice allarmato dallo stallo emerso dopo le ultime consultazioni elettorali. Insomma, con o senza un governo, l’importante per gli italiani è che il Paese rimanga su un sentiero di crescita. Prossimo allo zero, invece, l’impatto dello scandalo Facebook-Cambridge analitica, segnalato solo dall’1%.

Complessivamente, il peggioramento del sentiment incide anche sulle intenzioni di consumo. Il 30% delle famiglie indica l’intenzione di spendere di meno, a fronte di un 5% che invece investirà qualche euro di più nei festeggiamenti, che saranno comunque caratterizzati da un atteggiamento dei consumatori improntato alla prudenza. I tagli investiranno anche le uova di Pasqua: quest’anno se ne dovrebbero comprare 2-3 a testa, contro le 4 dello scorso anno. E contrariamente al detto popolare, sarà una Pasqua più con i tuoi che con chi vuoi: il 55% degli italiani progetta di celebrare solo con un pranzo domestico, con gli amici o con i parenti, contro appena l’11% che, invece, si avventurerà a celebrare in un pubblico esercizio, ed uno striminzito 5% che passerà Pasqua in viaggio.

Di seguito il sondaggio

 

 Valutando situazioni e prospettive personali e dell’economia italiana in generale, direbbe di vivere, rispetto alla Pasqua dello scorso anno…

con più certezze 9
con meno certezze 43
più o meno allo stesso modo 48

Valori %

 

Quali tra questi eventi, secondo lei, ha maggiormente contribuito al clima di incertezza sociale ed economica?

il rallentamento della ripresa economica 45
l’aumento dei flussi di migranti e rifugiati 27
lo stallo emerso dalle ultime elezioni politiche 18
le tensioni internazionali 9
gli scandali di privacy dei social media 1

Valori % risponde chi alla domanda precedente ha risposto ‘meno certezze’

 

Come celebrerà la prossima Pasqua?

con un pranzo a casa, con amici e parenti 55
con un pranzo fuori, con amici e/o parenti 11
in viaggio 5
non ho progetti 25

Valori %

 

Rispetto allo scorso anno, per questa Pasqua la spesa prevista sua e della sua famiglia…

aumenterà 5
resterà invariata 65
diminuirà 30

Valori %

 

 

 

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email