Fmi: migliora crescita Italia, proseguire con le riforme del lavoro

Deficit in calo, ma nel 2014 il debito salirà al 134,5%

La crescita dell’Italia e’ migliorata ma e’ necessario andare avanti con le riforme, soprattutto la riforma del lavoro e quella giudiziaria. Lo afferma Thomas Helbling del Fondo Monetario Internazionale. Secondo il Fondo una ricetta efficace per l’Italia, il cui Pil e’ stimato quest’anno crescere dello 0,6% e dell’1,1% nel 2015, prevede la riforma del mercato del lavoro con un contratto unico, la riduzione del costo del lavoro e la riforma giudiziaria. Per l’FMI il deficit di bilancio in calo al 2,7 per cento del Pil quest’anno in Italia, dal 3 per cento del 2013, secondo i dati contenuti nel World Economic Outlook del Fondo monetario internazionale. Nel 2015 il deficit calerà all’1,8 per cento mentre più a lungo termine, sul 2019 si ridurrà ad appena lo 0,2 per cento del Pil.
Al tempo stesso però quest’anno è previsto un nuovo record del debito pubblico, che raggiungerà il 134,5 per cento del Pil, per poi limarsi al 133,1 per cento nel 2015 e calare al 121,7 per cento sull’orizzonte 2019, secondo il Fmi.
Da rilevare che l’istituzione di Washington prevede che l’Italia riesca quasi a conseguire un bilancio strutturale in pareggio nel 2015, con un deficit allo 0,3 per cento del Pil dopo lo 0,8 per cento previsto su quest’anno.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email