In Toscana adesione al 98% per lo sciopero dei gestori carburante a marchio Esso (ora Petrolifera Adriatica)

Positivo l’incontro tra gestori presso l’Auditorium del Consiglio Regionale

I gestori Esso passati a Petrolifera Adriatica protestano per il mancato rispetto degli Accordi da parte di quest’ultima; rifiutano il netto peggioramento delle loro condizioni economiche ed il tentativo di addossare il costo dell’operazione di acquisizione della rete Esso alla Categoria, tramite l’aggressione ai diritti maturati del trattamento di fine rapporto e il peggioramento del margine economico.
Il perdurare di posizioni intransigenti da parte della Compagnia petrolifera, ha spinto la Categoria ad indire uno sciopero per mercoledì 24 maggio.
Lo sciopero è stato indetto da Faib Confesercenti, Figisc Confcommercio e Fegica Cisl.
Motivi dello sciopero e futuro della Categoria: i gestori hanno affrontato questi argomenti mercoledì 24 maggio, presso l’Auditorium del Consiglio Regionale alla presenza del Presidente Faib (Categoria Gestori Carburante) Toscana Andrea Stefanelli, del Presidente Figisc Toscana Marino Milighetti, del Responsabile Area Energia Confesercenti Toscana Romano Tinti e circa ottanta gestori intervenuti da tutta la Toscana. E’ intervenuto, inoltre, il Consigliere Regionale Marco Niccolai.
“Non accettiamo, inoltre, una retrocessione economica dei nostri margini di guadagno, già ridotti ad un 2,5% lordo sugli importi che il cliente paga ad ogni rifornimento. – ha affermato Andrea Stefanelli – I nuovi Accordi rappresentano, anche, un attacco alle Leggi dello Stato che regolano il settore”.
E questo è solo il primo passo di una mobilitazione articolata che vedrà coinvolti, inizialmente, i gestori ceduti a Petrolifera Adriatica e, in seguito, ad altri operatori “indipendenti”: lo sciopero, infine, potrà essere ripetuto nel tempo e riguardare i gestori a marchio Esso operanti su tutto il territorio nazionale. Una estate molto calda, quindi, ma non solo sotto l’aspetto climatico.


Galleria fotografica

Leggi le altre notizie “Dal Territorio”

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email