Istat: Confesercenti, preoccupa calo potere d’acquisto

Nel 2018 ancora 2 miliardi sotto i livelli del 2011. Ripresa mai arrivata per le famiglie, Dl Crescita sia svolta

I bilanci delle famiglie non si sono mai risollevati dalla crisi. Lo confermano i dati Istat sul potere d’acquisto degli italiani, in calo nell’ultimo trimestre del 2018 ed ancora di 2 miliardi di euro inferiore rispetto allo stesso periodo del 2011. In sette anni, dunque, le famiglie non sono ancora riuscite a recuperare pienamente quanto perduto durante la grande recessione.

Così Confesercenti commenta i dati diffusi oggi da Istat.

In questo contesto, l’ulteriore calo del potere d’acquisto registrato nell’ultima parte del 2018 non può che preoccupare. La ‘non ripresa’ dei redditi e del potere d’acquisto degli italiani ha infatti influito pesantemente sui consumi, e quindi sul mercato interno e sulle PMI che ad esso fanno riferimento: dal 2011 al 2018 abbiamo perso circa 360mila occupati indipendenti, tra imprenditori e collaboratori familiari. Quasi la metà (168mila) nel commercio, dove a soffrire di più sono stati i negozi di vicinato.

Le previsioni per il 2019, purtroppo, ad ora non lasciano ben sperare. Secondo le stime elaborate da Confesercenti con Cer, difficilmente i consumi nell’anno in corso cresceranno più dello 0,5%. Rispetto alle previsioni della scorsa Nadef, il 2019 si chiuderà con 10 miliardi di consumi in meno, e questa cifra ben illustra la gravità della situazione in cui si è venuta a trovare l’economia italiana, visto che i consumi contribuiscono per il 60% al nostro prodotto interno lordo.

Il prossimo DL Crescita deve necessariamente essere il punto di svolta. Ma per uscire dall’impasse deve essere più forte, e puntare con più decisione ad alleggerire il peso del fisco sui consumi e sugli investimenti che creano lavoro: la via maestra per uscire dalle difficoltà ed evitare che la recessione, da tecnica, diventi conclamata.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email