Istat: “Crescita prosegue moderata, non torna fiducia imprese”

ripresa

Confesercenti: “dati mostrano ripresa a due velocità. Pmi restano indietro”

“L’indicatore anticipatore dell’economia rimane positivo a novembre, sebbene con una intensità più contenuta rispetto ai mesi precedenti, suggerendo il proseguimento della fase di moderata crescita dell’economia italiana”. Lo segnala l’Istat nella Nota mensile sull’economia italiana.
In particolare, sottolinea l’istituto di statistica “le prospettive economiche di famiglie e imprese appaiono evolvere in maniera differenziata. Per le prime, gli attuali livelli del clima di fiducia si associano alla crescita del reddito disponibile, cui contribuisce l’attuale fase di bassa inflazione. “Per le imprese, invece, non si segnala ancora un generalizzato aumento dei ritmi produttivi in presenza di un peggioramento del clima di fiducia e una riduzione delle prospettive di crescita”.

 

Cammina lentamente la ripresa economica soprattutto per le imprese. I dati Istat diffusi oggi – sottolinea Confesercenti in una nota – mostrano infatti una crescita non solo moderata, ma anche a due velocità. Mentre le famiglie confermano una fiducia ritrovata, legata in particolare all’aumento del reddito disponibile, dovuto all’andamento dell’inflazione, per le imprese, soprattutto piccole e medie, le cose vanno diversamente. Le difficoltà che sono costrette ad affrontare quotidianamente, spesso per evitare di chiudere i battenti, non sembrano diminuire. Continuano a mancare interventi capaci di ridurre la pressione fiscale, facilitare l’accesso al credito, rimettere sul mercato immobili destinati alla locazione per esercizi commerciali, fermando così la desertificazione dei centri urbani. Ogni anno, da tempo, siamo costretti a contare le imprese rimaste sul campo con saldi, tra nuove aperture e cessazioni, che assomigliano sempre più a bollettini di guerra e danno la dimensione di come stia mutando la struttura della rete commerciale in Italia. Una mutazione che sta ridisegnando i centri storici di moltissime città.

 

 

 

 

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email