Jobs act, Rete Imprese Italia: “Soddisfatti da incontro con ministro Poletti”

Bene mantenere a 36 mesi la durata del contratto a termine

Rete Imprese Italia ha espresso soddisfazione dall’incontro con il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, in merito ai decreti attuativi sul Jobs act, in particolare per quanto riguarda le forme contrattuali. Il presidente di turno di Rete Imprese Italia Daniele Vaccarino ha promosso, in particolare, “l’intenzione del ministro di mantenere la durata del contratto di lavoro a tempo determinato a 36 mesi, tenuto conto della fase di persistente crisi occupazionale, e di confermare istituti come il lavoro a chiamata, il contratto di somministrazione, il lavoro accessorio”.

“Preoccupazione, invece, desta – ha affermato Vaccarino – la volontà espressa dal ministro di riflettere sul concetto di lavoro subordinato e autonomo, nell’obiettivo di ridurre la precarizzazione. Non vorrei che tutto ciò sfociasse nella trasformazione intensiva delle attuali collaborazioni in contratti di lavoro dipendente. Confido in ulteriori incontri – ha concluso – e nel fatto che il Governo confermi le positive indicazioni del confronto odierno”.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email