L’Europa vista dalle piccole e medie imprese cesenati del commercio e del turismo

Rilevazione N. 7 del 2016 – effettuata nei giorni 7-12 Novembre 2016

su un campione di 100 imprese commerciali associate alla Confesercenti Cesenate Centro Studi della Confesercenti cesenate Responsabile Angelo Spanò

L’UE in sintesi:

1. Nel 1951 la collaborazione economica in Europa era stata avviata da soli 5 stati: Belgio, Germania, Francia, Italia, Lussemburgo e Paesi Bassi;

2. Oggi i paesi membri dell’UE sono 28;

3. Il 1° gennaio 1999, l’euro e’ diventata la nuova moneta ufficiale di 11 stati membri in sostituzione delle vecchie divise nazionali, come il marco tedesco, il franco francese e la lira italiana;

4. Il 1 gennaio 2002, l’euro, ha cominciato a circolare fisicamente sotto forma di banconote e monete;

5. Due paesi (Danimarca e Regno Unito) hanno ottenuto nel trattato una deroga permanente che li esonera, mentre altri paesi (molti dei nuovi stati membri più la Svezia) non hanno ancora soddisfatto le condizioni per l’adozione della            moneta unica;

6. L’unione Europea si estende su oltre 4 milioni di km quadri e conta 508 milioni di abitanti, in termine di popolazione si colloca dunque al terzo posto nel mondo, dopo la Cina e l’India;

7. Sono tre le istituzioni alle quali spetta definire le politiche e adottare le decisioni: Parlamento europeo, Consiglio dell’Unione Europea e Commissione europea.

Sondaggio rivolto alle imprese del commercio e del turismo in merito a: L’EUROPA VISTA DALLE PMI?

LE RISPOSTE DELLE IMPRESE

La Ricerca

Centro Studi della CONFESERCENTI Cesenate – Ric. N.7/16

1. La ricerca effettuata dal Centro studi della Confesercenti Cesenate, su un campione di 100 imprese del territorio di riferimento, scaturisce dall’esigenza di monitorare la percezione dell’Europa da parte delle PMI cesenati;

2. La ricerca realizzata mediante raccolta ed elaborazione dati ed interviste ai titolari di imprese del commercio e del turismo, con una presentazione suddivisa in 3 punti: dapprima la presentazione di alcuni dati sull’UE, poi il parere delle imprese ed infine le proposte/conclusioni;

3. Le 100 imprese suddivise per categoria rappresentano un campione del commercio e del turismo romagnolo e sono individuati utilizzando criteri omogenei sia per merceologia, sia per zona e sia per ampiezza;

Conclusioni/proposte

1. Le PMI cesenate, pur in un contesto difficile per lo spirito europeo, rivelano una forte anima europeista

2. L’euro è accettato chiaramente in maniera maggioritaria

3. La maggioranza ritiene che Brexit sia stato un fatto negativo

4. Si chiede una Europa forte con più poteri individuando nella sede europea il livello giusto per affrontare le questioni più delicate

5. Il ruolo dell’Italia non appare ben definito in un contesto quello della UE dove le differenze tra stati sono ancora notevoli


L’Euro come moneta unica per te è stato un fattoSecondo te servirebbe una Europa più forte, con più poteri?La Brexit (uscita Gran Bretagna dall’Europa) è un fatto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

3/a - PERCHE’ POSITIVO?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


3/b - PERCHE’ NEGATIVO?

Quali pensiate che siano le due questioni più importanti che l’Europa dovrebbe affrontare in questo momento:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Secondo te l’Italia in Europa contaChe giudizio dai sull’operato dell’Europa?

 

L’Italia è uno dei paesi fondatori dell’UE, secondo te è giusto che il nostro paese continui a farne parte?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email