Liberalizzazioni orari commercio, Confesercenti Modena: “Insoddisfacente la soluzione adottata dal Parlamento. La legge va cambiata. Lo chiediamo noi, le imprese e soprattutto i cittadini”

Rigettati i sei giorni di chiusura obbligatori l’anno. “Si parte da almeno dodici”

Apertura continua delle attività commerciali anche 24h su 24, festivi e domeniche comprese e soppressione della mezza giornata di riposo settimanale. In altre parole: l’effetto diretto delle liberalizzazioni introdotte dal Governo Monti. “Un normativa che va assolutamente riveduta – afferma Confesercenti Modena gli effetti dell’avvitamento causato dalla combinazione di questa legge con la crisi economica e dei consumi, unitamente all’assenza di credito, ha provocato nel Paese, nei due anni di vigenza la chiusura di oltre 124 mila attività di cui quasi 2.000 sul territorio modenese. E non siamo i soli a chiederne la revisione, sono soprattutto i cittadini. Secondo un sondaggio Confesercenti-Swg il 67% degli italiani ritiene che in soli due anni il proprio quartiere ha visto diminuire nettamente i negozi di vicinato, precisando che i negozi di cui erano clienti abituali non ci sono più; mentre il 59% del campione da ragione a chi ritiene che la normativa della “liberalizzazione selvaggia” vada rivista”. Questi dati ribadisce Confesercenti sono stati illustrati anche alla Camera dei Deputati per riaffermare la forte insoddisfazione nei confronti dell’approvazione del provvedimento sugli orari dei negozi da Parte del Parlamento e che ora è al vaglio del Senato.”

“Le vie commerciali delle nostre città – rileva l’Associazione imprenditoriale – tra cui anche Modena ed i centri del suo territorio provinciale, tralasciando la grave situazione che ancora resta nei comuni terremotati, presentano sempre più file di saracinesche abbassate. Che significano sì attività chiuse, ma anche posti di lavoro persi. Gli effetti della liberalizzazione senza regole e la crisi, utile ricordarlo  hanno prodotto più di 100 mila posti di lavoro perduti nel Paese, solo fra il 2012 e il 2013”.

“Riteniamo quindi fondamentale evitare il collasso di altre piccole e piccolissime imprese, con due o meno dipendenti, fondamentali per la crescita del territorio. Per questo continueremo ad insistere perché la legge sugli orari, ora al Senato sia modificata in direzione di un maggiore equilibrio,sostenendo le regioni che hanno richiesto un referendum per la revisione della deregulation, e per il quale solo a Modena abbiamo raccolto 4000 firme”, aggiunge Confesercenti.

“È falso quindi affermare che ‘ce lo chiede l’Europa’: la liberalizzazione si è rivelata inefficace sui consumi e sull’occupazione.  La stessa concorrenza ha subito distorsioni gravi a scapito delle piccole superfici: ormai il 74% del commercio alimentare è in mano alla gdo come il  59% del no-food. La riduzione delle vendite ha reso più drammatica la situazione dei piccoli esercizi. Senza contare un numero sempre crescente di negozi sfitti (oltre 600mila in Italia). Non ci accontentiamo quindi di una risoluzione che sancisce 6 giorni di chiusura obbligatoria all’anno il cui beneficio va ancora una volta alla grande distribuzione. Meglio sarebbe quindi partire dal testo originale del provvedimento di legge che prevedeva 12 chiusure obbligatorie l’anno. Numero che andrebbe declinato con flessibilità introducendo la possibilità da parte dei Sindaci di modificarle a seconda delle esigenze del territorio”, conclude Confesercenti che a riguardo chiederà quanto prima un incontro ai senatori modenesi affinché ci sia da parte loro un impegno proteso alla modifica della legge in questione ritenuta al momento insoddisfacente da parte dell’Associazione e delle categorie rappresentate.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email