Liguria: l’appello dei commercianti di Certosa: riaprite via Perlasca

Dopo l’inizio dei lavori sui binari ferroviari, attesa per lo sblocco di via Perlasca da parte della Procura e delle Istituzioni

Sono più di 300 i commercianti e gli artigiani che hanno la sede della loro attività a Certosa. Da quel maledetto 14 agosto ripetono tutti una sola cosa: riaprite la viabilità di vallata.

“Al di là degli aiuti attesi dal Governo attraverso il Decreto Emergenza, di cui si aspetta il testo ufficiale, – esordisce Enzo Greco, Presidente del CIV Vivi Certosa – l’unico modo efficace per iniziare a limitare i danni derivati dal disastro del Ponte Morandi è riaprire i collegamenti viari della Valpolcevera”.

“La notizia dell’inizio dei lavori sulla tratta ferroviaria è stata accolta molto positivamente da tutti – prosegue Pino Pace, rappresentante di Confartigianato – ma ora facciamo un appello accorato alla Procura, al Sindaco e all’attuale Commissario delegato e – quando ci sarà – al Commissario straordinario alla ricostruzione, perché partano i lavori di ripristino almeno di via Perlasca a doppio senso di marcia”.

“Anche psicologicamente sarebbe un forte segnale per la vallata, contribuirebbe ad alleggerire il casello di Bolzaneto e la viabilità di Borzoli. Le imprese – conclude Mauro Puppo, rappresentante di Confesercenti – oggi hanno bisogno di certezze per poter affrontare il proprio futuro, capire se potranno mantenere i dipendenti, se dovranno valutare delocalizzazioni, ecc… Capiamo che ci sono dei tempi tecnici e che le indagini sono fondamentali per ottenere i risarcimenti, ma dobbiamo sbloccare subito questa situazione”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email