L’intervento del Presidente di Assoturismo Messina

“Gli alberghi italiani – ha sottolineato il presidente di Assoturismo Vittorio Messina durante il suo intervento conclusivo alla Assemblea Elettiva di Assohotel Confesercenti – devono dimostrarsi competitivi e di conseguenza contribuire a rendere competitivo anche il turismo italiano: una rete Wi-Fi gratuita e perfettamente funzionante diventa spesso il fattore chiave in un settore diventato anch’esso tecnologico sotto molti aspetti. Infatti, in un mondo digitalizzato anche l’albergo deve essere in grado di gestire in modo efficiente i flussi di contenuti e informazioni che costituiscono parte integrante della “vita digitale” dei clienti.

Ma l’innovazione deve intendersi non solamente come automatizzazione e digitalizzazione del settore, ma piuttosto come diversa visione strategica e organizzativa. Gli obiettivi sono un’offerta turistica integrata, una maggiore competitività delle imprese nel mercato e la migliore soddisfazione delle richieste dei turisti. Si tratta dunque di un’innovazione a 360 gradi, che non potrà mancare di avere un forte impatto anche sul fronte occupazionale, con la creazione di nuove figure professionali specializzate e, conseguentemente, la necessità di formare nuove competenze.

In questo senso, la portata delle nuove tecnologie per lo sviluppo del turismo si misura senz’altro pure sul fronte della raccolta e dell’elaborazione dei dati, che consentono di conoscere meglio il profilo degli utenti e le loro scelte, e dunque di adeguare i servizi e orientare le politiche, di rafforzare la promozione del territorio e di mettere a sistema l’offerta turistica regionale, passando dal prodotto alla “filiera”. Sullo sfondo il profondo cambiamento della stessa fruizione turistica, che vede l’utente diventato via via sempre più esigente e consapevole e desideroso di essere pienamente protagonista. In tal senso innovare significa allora anche “aggiungere valore” e differenziare le proposte, in quanto la tecnologia influenza profondamente i comportamenti dei turisti e richiede un’evoluzione delle strutture ricettive e delle capacità dell’offerta,

Traino per l’economia del paese, il turismo è un comparto in grande evoluzione, chiamato oggi a confrontarsi con mutati bisogni delle imprese e una diversa domanda di fruizione da parte dei clienti. E’ necessario cogliere le opportunità di un’innovazione necessaria e inevitabile, da gestire e governare con consapevolezza, anche per rendere migliore e più stabile l’occupazione del comparto.

I viaggiatori cercano su internet hotel, percorsi, strade, aerei. Cercano tariffe, comparano soggiorni, pesano soprattutto la reputazione online.  I turisti di oggi, quindi, sono sempre più digitali, attivi online prima, durante e dopo il viaggio: l’88% ricerca informazioni nella fase pre-viaggio, l’82% prenota o acquista qualcosa, l’86% utilizza applicazioni a supporto dell’esperienza, il 44% durante il viaggio acquista qualcosa, il 61% dopo il viaggio svolge attività digitale relativa all’esperienza. Si tratta di cambiamenti oggettivi che stanno influenzando profondamente i comportamenti dei turisti e richiedono un’evoluzione delle strutture e della capacità dell’offerta.

Alle porte del 2020 l’intelligenza artificiale e il mobile diventano pertanto due veicoli fondamentali per ispirare il cliente e per facilitare i processi che lo porteranno alla prenotazione. Per questo l’innovazione dovrà necessariamente essere il fondamento del turismo 4.0: marketing online, fidelizzazione del cliente, analisi dei comportamenti online, interfacce semplici ed user-friendly sono solo alcuni degli aspetti sui quali occorre lavorare quotidianamente per facilitare la vita di ogni viaggiatore e per fidelizzarlo”.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email