Manovra, Bussoni: bene contratto prestazione occasionale, ma troppe rigidità

Per le imprese è bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto

Per le imprese, il nuovo contratto di prestazione occasionale è il classico bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto. Da un lato l’intervento è infatti positivo, perché permettere di rimediare al vuoto che si era creato con l’improvvisa abolizione dei voucher. Le imprese hanno bisogno di una normativa che regoli il lavoro accessorio e saltuario, come del resto avviene in tutte le economie avanzate: sarebbe stato impensabile arrivare all’appuntamento della stagione estiva senza averne una. Un danno anche per i lavoratori, visto che si sarebbero mandati in fumo circa 300mila mini-jobs”.

Così il Segretario Generale di Confesercenti Mauro Bussoni.

“Non possiamo non rilevare, però, l’introduzione di meccanismi di gestione riferiti ai riposi ed alle pause che potrebbero risultare complessi e tetti d’utilizzo troppo stringenti. Riteniamo inadeguato, in particolare, il limite di 5mila euro per singola impresa: è una somma troppo bassa, sarebbe stato opportuno prevedere almeno il doppio. L’auspicio è che, quando il nuovo contratto sarà a regime, queste rigidità non rendano lo strumento troppo complicato per essere utilizzato in modo efficiente dalle imprese che ne hanno bisogno. Che non sono poche: secondo un sondaggio che abbiamo condotto con SWG, i vecchi voucher erano utilizzati da un’impresa su quattro”.

Leggi le altre notizie In evidenza

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email